Contenuto riservato agli abbonati

Anziano travolto in via Marx a Carpi: è grave 

Un 81enne in Terapia intensiva. I residenti: «Le strisce pedonali vicino alle rotonde sono pericolose» 

Carpi. Un anziano di 81 anni è rimasto gravemente ferito a causa di un incidente che si è verificato ieri mattina alle 11 in prossimità della rotonda all’incrocio tra via Carlo Marx e la tangenziale.

L’uomo era in bicicletta quando, improvvisamente, è stato travolto da un furgone Fiat. Il mezzo stava percorrendo via Marx diretto alla rotatoria, con alle spalle il centro. Dopo l’incrocio con via Pisacane è avvenuto l’impatto con l’anziano: il colpo è stato violentissimo e l’’81enne è finito a terra.


Il furgone, guidato da A.R., 47 anni di Novi ha travolto il ciclista, le cui iniziali sono F. A., carpigiano, in prossimità delle strisce pedonali. Durante la ricostruzione della dinamica si cercherà di stabilire in quale punto preciso della strada sia avvenuto l’incidente. Si dovrà, inoltre, stabilire se il ferito era in sella alla bicicletta o la stava conducendo a mano.

Sul posto sono intervenute più ambulanze per stabilizzare le condizioni dell’uomo e consentire il trasporto in ospedale. L’81enne è stato trasportato a Baggiovara dove si trova in Terapia intensiva. Qui il personale sanitario ha organizzato tutta l’assistenza necessaria per curare le diverse fratture riportate dopo l’incidente.

In via Marx per i rilievi sono intervenuti gli agenti della polizia locale dell’Unione delle Terre d’Argine. A loro spetterà l’esatta ricostruzione di quanto accaduto in quel tratto di strada, percorso ogni giorno da migliaia di veicoli.

Su quel tratto e, in particolare, su tutti gli attraversamenti pedonali in prossimità delle rotatorie, imperversa la polemica. L’incidente non è passato inosservato: tanti residenti e titolari di attività commerciali nei paraggi si sono avvicinati, preoccupati per le condizioni dell’anziano. «Le strisce pedonali vicine alle rotatoria sono molto pericolose – confida un residente di via Pisacane – Più volte abbiamo assistito a incidenti simili. Sono punti troppo trafficati in cui collocare quei segnali: in quel tratto le auto accelerano e quando vedono il pedone e o il ciclista, spesso, è troppo tardi». Una polemica, questa, che si somma alle critiche alla nuova viabilità, introdotta da quasi un anno. «Serve tempo perché vengano assimilate le nuove regole – aggiunge un altro residente – Il rischio è che non vengano capite subito e ci siano incidenti».

Nel frattempo, ieri mattina, la Polizia locale è stata impegnata nel rilievo di altri due incidenti: si tratta di due tamponamenti, uno in via Guastalla e il secondo all’incrocio tra le vie Giovanni XXIII e De Sanctis.