Contenuto riservato agli abbonati

Modena. La Tenda torna alle origini con 29 appuntamenti tra musica, libri e teatro

È la “parola”, in prosa o in poesia, in forma teatrale o in musica, il filo conduttore della nuova stagione de “La Tenda” che, dopo due anni di attività solo estiva e all’aperto, torna ad animare la struttura di viale Monte Kosica a Modena anche in versione indoor. Si parte domani, alle 21, con l’esibizione dei Savana Funk per poi proseguire fino a dicembre con altri 28 appuntamenti, tutti gratuiti (è consigliata la prenotazione) e organizzati nel rispetto delle normative di contenimento dell'emergenza Covid19.

Il programma dei primi tre mesi della nuova stagione della Tenda, che continuerà fino a maggio, è stato presentato con l’assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili Andrea Bortolamasi insieme a Fulvio Romiti, presidente dell’associazione Intendiamoci che gestisce la struttura ed è capofila della cordata di associazioni che contribuisce a costruire il cartellone.


La proposta culturale, sviluppata nell’ambito delle linee guida delle Politiche giovanili approvate in luglio dal Consiglio comunale, viene elaborata, infatti, con la collaborazione di tanti gruppi e associazioni e quest’anno mette al centro attività e performance dal vivo con la “parola”, appunto, a fare da collante fra i diversi appuntamenti. Parola declinata in tutte le sue accezioni: la parola in musica dei nuovi cantautori emergenti, così come i reading musicati dedicati ai grandi scrittori; la parola come poesia negli incontri di “slam poetry” e come drammaturgia di spettacoli teatrali; la parola come letteratura nelle presentazioni di libri o come fonte di dibattito nel corso delle proiezioni cinematografiche che avranno ampio spazio nel programma, ogni giovedì fino a gennaio.

Tante le riconferme da parte delle associazioni del territorio, che contribuiscono in maniera fondamentale alla coprogettazione della Tenda, oltre ad alcune nuove collaborazioni nate nel periodo di apertura estivo che ora vanno ad arricchire la programmazione anche in questi mesi. Fra questi, la serie di appuntamenti dedicati alla “poetry slam” organizzati e promosso da Modena City Rimers, gli incontri dedicati al calcio di Mo' Better Football, i reading musicati di Collettivo SquiLibri e due nuovi appuntamenti della rassegna di musica contemporanea Orbite, realizzata dalle associazioni Muse e Lemniscata con il contributo di Fondazione di Modena.

Il programma si completa grazie ai contributi di associazioni storicamente legate a La Tenda, come: associazione Ore d'Aria, che proseguirà la propria attività laboratoriale e di spettacolo legata alla contaminazione fra danza e alle arti performative; Rosa Bianca, con gli incontri sul cinema legato alle tematiche del disagio mentale “Follia e Dintorni”; in tema di cinema tornerà anche la rassegna “Identità e Alterità”, curata dai docenti UniMoRe Leonardo Gandini e Chiara Strozzi, che mette a fuoco le relazioni problematiche tra infanzia/adolescenza ed età adulta; infine, la programmazione musicale sarà arricchita dall’associazione Muse che porterà a La Tenda la nona edizione della rassegna di jazz “Arts & Jam”, oltre che dall’associazione Intendiamoci che farà salire sul palco nuovi artisti per “Cantautori su Marte” e declinerà la propria proposta in una forma inedita, e spostando nella seconda parte della stagione i concerti rock intesi in senso classico, con nuove proposte della scena internazionale come i britannici Delta Sleep, già in programma come evento di chiusura della stagione il 6 giugno 2022.