Contenuto riservato agli abbonati

Modena. Aggressione in piazza Roma, arrestato il 17enne

È uno dei due albanesi fermati dai carabinieri. La 15enne di Serra ha denunciato palpeggiamenti e baci non consenzienti

C’è un arresto per l’aggressione choc di giovedì mattina a una ragazza che passeggiava con amiche in piazza Roma, che ha denunciato tentativi di baci e palpeggiamenti non consenzienti tali da configurare il reato di violenza sessuale. La sua ricostruzione, e delle amiche, è stata giudicata attendibile dalla Procura dei Minori di Bologna, che ieri ha dato mandato ai carabinieri di Modena di procedere con l’arresto di un 17enne di origini albanesi, considerato responsabile dell’aggressione consumata in pieno giorno.

Il giovane era in stato di fermo già da giovedì mattina, quando era stato individuato dai carabinieri subito dopo la chiamata al 112 da parte della stessa vittima, e portato in caserma assieme a un amico16enne, anche lui di origini albanesi, considerato in quel momento suo complice nell’aggressione. Gli accertamenti compiuti anche con l’ausilio delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona hanno permesso di acquisire elementi di prova tali da giustificare l’arresto del 17enne, mentre l’altro non avrebbe avuto responsabilità da reato.


La vittima dell’aggressione è una 15enne di Serramazzoni, e sono di Serra anche le due coetanee con cui stava passeggiando in centro verso le 11.30, orario in cui in realtà avrebbero dovuto essere tutte a scuola. Da quanto trapelato finora, la dinamica dovrebbe essere questa. Mentre le tre camminavano, sono state notate dai due ragazzi, che avrebbero iniziato con complimenti vari, chiedendo di potersi unire a loro nella passeggiata. Le tre non si sono opposte, e sembra anche che all’inizio abbiano scherzato con quei due nuovi amici. Che però dalle risate sarebbero passati in fretta alle avances, sempre più esplicite, dirette in modo particolare alla 15enne poi vittima dell’aggressione. Nel camminare, sarebbero riusciti a staccarla di qualche metro dalle altre due ragazze. Poi la situazione è precipitata in un attimo: il 17enne avrebbe spinto la 15enne contro al muro in via Fonteraso, arrivando a baciarla con insistenza e a palpeggiarla fino a farla cadere a terra. Da capire che ruolo abbia avuto l’altro: sembra sostanzialmente da palo senza toccare la ragazza, altrimenti sarebbe scattato anche per lui l’arresto. Fatto sta che la 15enne si è messa a gridare raggiungendo le amiche che avrebbero visto tutto, seppure a distanza. Sconvolta, la vittima ha preso il telefonino e chiamato il 112 dicendo di aver subito un’aggressione a sfondo sessuale.

L’allarme sicurezza in centro è rilanciato da quanto avvenuto ieri verso le 20 in via Crispi, dove una donna è stata derubata della borsetta che aveva lasciato sul sedile dell’auto. Un giovane di colore, con addosso una felpa blu, ha aperto lo sportello e l’ha afferrata in un lampo scappando a piedi. Dentro non c’erano soldi, ma documenti e oggetti personali sì.

D.M.

© RIPRODUZIONE RISERVATA