Contenuto riservato agli abbonati

Riolunato. Addio a Claudio: dopo la caduta un malore lo stronca all’ospedale

Bruttissimo risveglio ieri per la piccola comunità di Riolunato. Dalle prime ore infatti si è sparsa la notizia dell’improvvisa scomparsa di Claudio Fini, a 69 anni. Si tratta di una figura conosciutissima in paese per la sua disponibilità da volontario all’organizzazione di tante iniziative ricreative e culturali, per anni e anni. Tutti lo conoscevano e lo amavano per il carattere solare e la disponibilità sempre alla battuta.

Riolunato. Bruttissimo risveglio ieri per la piccola comunità di Riolunato. Dalle prime ore infatti si è sparsa la notizia dell’improvvisa scomparsa di Claudio Fini, a 69 anni.

Si tratta di una figura conosciutissima in paese per la sua disponibilità da volontario all’organizzazione di tante iniziative ricreative e culturali, per anni e anni. Tutti lo conoscevano e lo amavano per il carattere solare e la disponibilità sempre alla battuta. Tra gli altri, era grande amico di Claudio Nizzi, lo sceneggiatore fiumalbino di Tex, con cui negli anni scorsi aveva allestito una bella mostra sull’eterno pistolero. Ma di Fini si potrebbero citare innumerevoli altre iniziative, con un’attenzione particolare per Groppo, la frazione che amava così tanto da sceglierla per viverci una volta arrivato alla pensione, trasferendosi da Modena.


Il lutto ha colpito in modo particolare perché improvviso: fino a poco più di una settimana fa Claudio stava benissimo ed era impegnato come sempre. Poi la fatalità: mentre si era recato a fare un sopralluogo in un boschetto vicino dove c’era da tagliare legna, il ramo su cui si era appoggiato ha ceduto ed è caduto. Non da molti metri, ma male: nell’impatto a terra ha accusato la frattura di vertebre e costole. Per questo è stato portato in elisoccorso all’ospedale Maggiore di Bologna, dove l’avevano operato e sembrava che tutto andasse bene nel decorso. I tanti amici riolunatesi si tenevano di continuo in contatto con lui, e rincuorati dalle notizie di ripresa erano pronti a dargli presto il bentornato. Avevano perfino organizzato una chat WhatsApp tutta dedicata ai messaggi di lui e per lui.

Poi nella notte tra lunedì e martedì il suo cuore ha smesso di battere, per una crisi improvvisa, forse un’embolia. Il funerale è già fissato per oggi, a darne comunicazione il figlio Fabrizio: sarà alle 15 nella chiesa di Groppo. Per chi volesse, dalle 12 alle 13 sarà possibile vederlo un’ultima volta nella camera ardente al Maggiore.

«È veramente un brutto colpo per la nostra comunità – sottolinea il sindaco Daniela Contri – Claudio era una persona sempre presente e disponibile a dare una mano a tutti. Non ci saremmo mai aspettati di perderlo così all’improvviso. Siamo vicini ai famigliari nel loro dolore». «Ci conoscevamo dai tempi delle scuole – ricorda lo storico Carlo Beneventi – e mi ha invitato diverse volte a Groppo a organizzare delle presentazioni in eventi che lui preparava sempre con una cura straordinaria in cui traspariva tutto il suo amore per il paese. Ne sentiremo tantissimo la mancanza». Aveva anche un grande archivio fotografico di questi posti, a cui teneva molto. Tra i messaggi di cordoglio sulla sua pagina Facebook quello di Raffaele dell’Osteria del Trebbo: «Perdiamo un amico sincero, una colonna portante di Riolunato. Il vuoto che lasci Claudio è incolmabile. Non poter più chiacchierare con te davanti a un caffè è uno scherzo che non dovevi fare. Addio, amico mio». «Brutto, bruttissimo risveglio questa mattina – scrive Adolfo Guerri – mi mancherà tantissimo non vedere più il tuo volto sorridente spuntare dalla volta in piazza del Trebbo. Chiacchierare con te di musica, di sport, delle tue mostre o quadri, non era mai banale e sempre piacevole. Avevamo bevuto una birra insieme non più di venti giorni fa… Riposa in pace Compagno, so che avresti voluto che ti salutassi così».

© RIPRODUZIONE RISERVATA