Contenuto riservato agli abbonati

Modena. De Martino della Smorfia in trionfo È re della pizza classica e creativa

Il maestro della pizzeria in centro storico vince a Napoli due trofei nazionali contro 100 concorrenti

MODENA. Primo per la miglior pizza contemporanea e primo per la miglior pizza napoletana classica. Michele De Martino - nonostante la giovane età, maestro pizzaiolo alla pizzeria la Smorfia in centro storico a Modena - sbanca a Napoli al Trofeo Pulcinella, concorso dell’associazione di settore Mani d’Oro e porta a Modena.

Per lui doppio trionfo nazionale in una gara all’ultimo punto contro cento straordinari pizzaioli campani e non solo. Nella gara di pizza contemporanea, svoltasi a Striano, Michele ha presentato la sua creazione chiamata “Colori D'Autunno” con un impasto maturato oltre le cento ore, lo stesso che da anni La Smorfia serve in centro storico a Modena ai propri clienti per dare il massimo della digeribilità.


Gli ingredienti di questa piccola opera d'arte: mozzarella fior di latte d'Agerola, petto d'oca affumicato smorzato dal dolce del carciofo fritto ed insaporito da una fonduta di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi, semi di zucca e fiori edibili completano il quadro.

Con questa pizza Michele De Martino ha stupito e convinto i giudici. Anche il secondo pizzaiolo della Smorfia, Riccardo Vitali, 27 anni, cresciuto professionalmente sempre alla Smorfia di via Cavallerini, ha presentato la sua pizza “Libra” con un mix di ingredienti studiato in funzione di una dieta sana ed equilibrata. Nella “Libra” troviamo infatti crema di zucchine, straccetti di bresaola, fiocchi di feta greca, noci e chips di patate viola.

Nella gara di pizza napoletana si tre categorie, col doppio match vinto dalla squadra campano-modenese, i cento concorrenti dovevano esibirsi presentando la classica Margherita ed i giudici hanno valutato la lavorazione dell'impasto, il pomodoro San Marzano lavorato a mano e fior di latte di Agerola, oltre alla tecnica di stesura e cottura. Ed anche qui a vincere è stato il primo pizzaiolo della Smorfia che ha concluso una prestazione senza errori aggiudicandosi il primo posto. Un vero talento che, subito dopo le gare, è tornato a Modena per dirigere con il suo team di otto pizzaioli in forza alla Smorfia, nel centro storico di Modena.

Per De Martino, altri due trofei da aggiungere alla collezione. Maestro a tutto campo e da un anno docente dell’Accademia della Pizza nella sede di Modena (sempre alla Smorfia), nel 2019 si era aggiudicato il quinto posto al campionato mondiale dei pizzaioli, organizzato dall’associazione Mani D’Oro durante il Bufala Fest che si era svolto a Napoli, sul lungomare Caracciolo «Sono soddisfatto – spiega Albachiara – per la qualità e la preparazione dimostrate da tutti i pizzaioli che hanno gareggiato nel corso di questa edizione. Un’edizione particolare, che ho voluto definire #trofeodellaripartenza».

L’associazione Mani d’Oro, fondata nel 2015 da Attilio Albachiara ad Acerra (Napoli), promuove e tutela in tutto il mondo l’autentica Pizza Napoletana Stg, difendendo le caratteristiche del prodotto dalla sua origine ad oggi. La passione per la pizza classica napoletana del maestro pizzaiolo Albachiara ha dato vita all’ Associazione Mani d’Oro.

Per far fronte all’improvvisazione giornaliera della professione di pizzaiolo, all’uso improprio di prodotti abbinati alla pizza, al dilagare di cibo preconfezionato e catene di fast-food, l’associazione Mani d’Oro promuove, per i suoi associati, corsi di formazione e approfondimento per maestri pizzaioli e titolari di attività già avviate che vogliono approfondire nuove tecniche di lavorazione degli impasti.

Mani d’Oro si occupa, inoltre, di selezionare con estrema cura i prodotti da utilizzare per la realizzazione della pizza. La scelta dei fornitori, partner dell’associazione stessa, degli ingredienti (dalla mozzarella di bufala campana al pomodoro San Marzano), rispettano i criteri fissati dal disciplinare della Pizza Napoletana Stg.