Contenuto riservato agli abbonati

Modena. Antinfluenzale il 24 ottobre si inizia In regione 1,5 milioni di dosi

Priorità agli assistiti a domicilio e agli ospiti delle Case residenza anziani È gratuito per over 60, operatori sanitari, malati cronici e donatori di sangue

Prende ufficialmente il via la campagna vaccinale antinfluenzale, a partire dai cittadini più fragili per poi estendersi progressivamente a tutti gli aventi diritto alla vaccinazione gratuita che lo ricordiamo sono: operatori sanitari e socio-sanitari, donne in gravidanza, bambini e adulti con patologie croniche, tutti gli over 60, addetti ai servizi essenziali, i donatori di sangue e il personale degli allevamenti e macelli.

Da domani le dosi di vaccino attualmente a disposizione saranno riservate ai pazienti assistiti a domicilio e agli ospiti delle Case residenze per anziani: la somministrazione avverrà in concomitanza con la dose booster (o terza dose) del vaccino anti-Covid.


L’Ausl di Modena ha provveduto alla distribuzione dei primi quantitativi di vaccino antinfluenzale ai medici di Medicina generale, che si occuperanno della somministrazione alle categorie citate, secondo uno specifico accordo siglato tra Ausl e i sindacati dei medici Fimmg e Snami.

«Vista la complessità operativa legata alla tempistica di consegna dei vaccini antinfluenzali, alla numerosità dei soggetti destinatari e alla necessità di somministrare, nei tempi congrui, anche la dose booster di vaccino anti-covid – dichiara Antonio Brambilla, direttore generale dell’Ausl – assume un particolare valore il lavoro congiunto tra Medici di medicina generale e Ausl, in quanto consente di raggiungere la popolazione target tenendo conto anche delle fragilità dei nostri cittadini, partendo proprio da coloro che non possono accedere ai punti vaccinali. Facciamo tesoro dell’esperienza maturata dai medici di famiglia in questi anni in cui hanno portato avanti la vaccinazione antinfluenzale con ottimi risultati, e poi del loro apporto alla campagna di vaccinazione anti-covid».

Nel frattempo, prosegue la proposta di co-somministrazione del vaccino antinfluenzale anche ai cittadini over 75 e vulnerabili che si recano nei Punti vaccinali della provincia per ricevere la dose aggiuntiva anti-Covid. Già da qualche settimana nei centri vaccinali modenesi si sta registrando un’importante adesione alla proposta: oltre il 70 per cento degli over 80 che si sono presentati ha infatti acconsentito a ricevere entrambe le vaccinazioni.

Il successivo step della campagna antinfluenzale riguarderà gli over 75 e i cittadini vulnerabili, ai quali la vaccinazione antinfluenzale sarà offerta, sempre ad opera dei medici di Medicina generale, a cominciare dal 2 novembre. Dal 20 novembre si avvierà la campagna antinfluenzale per gli over 60 e tutte le altre categorie aventi diritto alla somministrazione gratuita.

A livello regionale, l’Emilia Romagna ha provveduto all’acquisto di 1,5 milioni di dosi la cui fornitura sarà completa a novembre. Il traguardo che la Regione ha fissato è raggiungere il 75 per cento degli ultra-sessantaquattrenni vaccinati (nella passata stagione si è superata soglia 70 per cento, con un aumento del 13,2 per cento) e confermare il trend in aumento delle coperture relative alle donne in gravidanza, ai soggetti con patologie croniche di qualunque età, al personale sanitario.

GIB

© RIPRODUZIONE RISERVATA