Contenuto riservato agli abbonati

Visite mediche nel Modenese, si allungano le attese Niente tac e 5 mesi per una colonscopia

I tempi per le prestazioni pubbliche sono tornati al 2020. Analisi del sangue a breve solo in Appennino e nella Bassa

Luca Gardinale

Quando la signora lo chiede, al farmacista scappa un sorriso amaro: «Se per caso ha voglia di fare un giro in montagna...». Del resto, i primi appuntamenti portano tutti verso il Cimone: l’unico disponibile a ottobre è addirittura a Pievepelago, mentre a inizio novembre c’è Serramazzoni, per passare poi a Fanano e Polinago. Un’alternativa ci sarebbe anche, ma è fin troppo... in giù, almeno per chi vive nel capoluogo, che dovrebbe raggiungere Mirandola per fare l’esame. Una serie di “gite” che nei prossimi giorni dovranno fare i modenesi che hanno bisogno di fare un prelievo del sangue con il servizio pubblico e vogliono farlo a breve. Una questione che in realtà vale un po’ per tutte le prestazioni sanitarie pubbliche in provincia di Modena, che dal punto di vista dei tempi di attesa sembrano essere tornate indietro di un anno, dopo la riapertura post-lockdown, quando riuscire a prenotare una visita era decisamente un’impresa.


Ma quali sono dunque i tempi di attesa medi per una visita in questi giorni? Partendo dalla tac, al momento - secondo il calendario disponibile ieri mattina - in provincia non ci sono appuntamenti disponibili, quindi chi ha l’impegnativa del medico per richiedere la prestazione ha due strade: aspettare che escano nuove date, oppure tirare fuori una cifra compresa tra 100 e 250 euro e richiedere la prestazione in privato. Stessa cosa per chi deve fare la radiografia al torace, esame importante per chi ha avuto la bronchite o sospetta una polmonite: al momento non c’è alcun appuntamento disponibile - mentre per la radiografia all’anca c’è posto il 29 novembre a Sassuolo - così come per le donne che hanno bisogno di una visita ginecologica, per la quale si rimanda però ai consultori territoriali. E a proposito di donne, nell’“ottobre rosa” dedicato alla prevenzione del tumore al seno non ci sono appuntamenti disponibili per la visita senologica per le under 40, mentre per la fascia 40-44 è possibile fare la mammografia al Policlinico il 25 novembre o a Baggiovara il 20 dicembre e per le over 75 il primo appuntamento è poco prima di Natale al Policlinico.

Un’altra visita importante è la colonscopia: in questo caso l’appuntamento disponibile con il servizio pubblico c’è, ma bisogna aspettare parecchio, presentandosi a Sassuolo il 15 marzo, tra poco meno di cinque mesi. Discorso simile per un altro tipo di visita importante, quella dal dermatologo: la possibilità di prenotare c’è, ma con una struttura convenzionata - il poliambulatorio Caf di via Sabbatini - e soprattutto tra sette mesi, ovvero il 14 aprile. Attesa più breve per una visita oculistica (17 febbraio), per la quale però l’unico posto disponibile in provincia è a Mirandola.

Tornando agli esami del sangue e alle... gite in Appennino, quando è possibile prenotare un prelievo con l’impegnativa del medico in provincia? Chi mette al primo posto i tempi dovrà recarsi a Pievepelago, dove il primo appuntamento disponibile è fissato per il 27 ottobre. Si passa poi a novembre, con prelievi disponibili a Serramazzoni e Mirandola (3 novembre), oppure Fanano e Polinago (4 novembre). Per farlo a Modena bisogna aspettare il 12 novembre, dove sono disponibili appuntamenti al laboratorio Test di viale Verdi e al Cam di via Vecchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA