L’autoscala dei vigili del fuoco di nuovo trasferita: è a Ravenna

Il mezzo è rimasto al distaccamento carpigiano soltanto poche settimane  In caso di emergenza bisognerà ancora ricorrere alla dotazione modenese

Ha fatto in tempo a rimanere a Carpi soltanto qualche settimana. E ora è stata trasferita a Ravenna.

L’autoscala dei vigili del fuoco solitamente in dotazione al distaccamento di Carpi è nuovamente al centro dell’attenzione per la nuova destinazione in cui è stata spostata.


Quando a metà settembre il tornado si è abbattuto su Fossoli, spazzando via coperture di case e aziende, l’autoscala intervenuta arrivava da Modena, visto che quella in dotazione a Carpi era stata “prestata” a Rimini. Anche in quell’occasione il mezzo si è rivelato fondamentale, in particolare all’Aeroclub dove sette aerei sono stati sbriciolati dalla potenza del tornado.

Sulla questione dell’autoscala sono intervenute più volte anche le forze politiche. Il sindaco Alberto Bellelli aveva scritto al comandante provinciale affinché Carpi venisse nuovamente dotata di un’ autoscala.

Come denunciato dal sindacato Conapo, infatti, subito dopo il rogo al Biscione avvenuto mesi fa, il mezzo era stato dato in prestito al Comando di Piacenza, per poi essere collocato in riparazione.

Quello è stato soltanto uno degli spostamenti di cui l’autoscala è stata oggetto. Il sindaco ha chiesto più volte chiarimenti «circa la consistenza di personale e di mezzi operanti nel distaccamento di Carpi che, a quanto riferito, nel dicembre 2019 è stato avanzato di livello, portandolo alla categoria Sd4». Possibile, dunque, che con questo avanzamento si debba ancora fare i conti con scarsità di mezzi?

L’autoscala, come si è visto per il Biscione, può fare la differenza nei soccorsi ai piani più elevati.