Ferrari, utile netto +21%  rivede al rialzo le stime
L'ad Vigna: "Raccolta ordini record"

L'area degli stabilimenti Ferrari a Maranello

L'azienda del Cavallino  rivede le guidance per il 2021 al rialzo, "a condizione che l'operatività non sia impattata da restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19". La società stima di chiudere l'intero anno in corso con ricavi pari a 4,3 miliardi (3,5 miliardi nel 2020)

Maranello. Ferrari ha chiuso il terzo trimestre 2021 con un utile netto di 207 milioni di euro, in crescita del 21% rispetto allo stesso periodo del 2020. L'eps diluito adjusted è stato di 1,1 euro, in crescita del 21% rispetto a 0,92 euro di un anno fa.
I ricavi sono stati di 1,053 miliardi di euro, in aumento del 19% sul terzo trimestre 2020 e del 15,1% in confronto al terzo trimestre 2019, periodo pre-pandemia. Le consegne di auto nel trimestre sono state di 2.750 Unità, in crescita del 19%. L'ebitda è stato di 371 milioni di euro (+12%) con margine al 35,2% (era al 37,2% un anno fa). L'ebit è stato di 270 milioni (+22%) con margine al 25,7% dal 25%

"I forti risultati del terzo trimestre sono un importante passo avanti verso la guidance 2021 rivista al rialzo. Le eccezionali relazioni con i clienti, fondamentali per conseguire la crescita a doppia cifra nel trimestre e da inizio anno, si riflettono nella raccolta ordini record a livello globale, in particolare in Cina e Usa. Questi risultati, con la solidità della nostra visione e il team che ho l'onore di guidare mi consentono di guardare al futuro con grande fiducia e ottimismo". Così Benedetto Vigna, amministratore delegato di Ferrari, ha commentato i dati relativi ai primi nove mesi dell'anno.

 

 La generazione di free cash flow industriale è stata 'eccezionalmente forte nel trimestre' pari a 242 milioni di euro, trainata dall'ebitda e dall'incasso degli anticipi sulla 812 competizione, in parte controbilanciati da spese in conto capitale per 189 milioni di euro. L'indebitamento industriale netto al 30 settembre 2021 è pari a 368 milioni di euro, rispetto a 552 milioni al 30 giugno 2021. Nel corso del terzo trimestre sono state riacquistate azioni proprie per un totale di 55 milioni di euro. Le passività per leasing, derivanti dall'adozione dell'ifrs 16, sono state pari a 59 milioni al 30 settembre 2021. Inoltre, al 30 settembre 2021 la liquidità complessiva disponibile era pari a 2.040 Milioni di euro (1.689 Milioni al 30 giugno 2021), incluse linee di credito committed e inutilizzate per 767 milioni di euro.

Andando a vedere nel dettaglio i risultati del terzo trimestre, tutte le aree geografiche hanno contribuito positivamente durante il trimestre. La regione emea ha

Registrato un aumento delle consegne dell'1,6% a 1.308
Unità, le americhe del 40,1% a 706 unità, la cina continentale, hong kong e taiwan hanno messo a segno una crescita del 109,2% a 249 unità, favorita dall'arrivo di nuovi modelli, in particolare la ferrari roma e la sf90 stradale, mentre il resto dell'apac è cresciuto del 21,1% a 487 unità. Le vendite dei modelli a 8 cilindri (v8) sono aumentate del 39,4%, mentre le vendite dei modelli a 12

Cilindri (v12) hanno registrato una diminuzione del 35,1% dovuta principalmente a minori consegne della 812 superfast.
Le consegne del trimestre sono state trainate dai modelli in gamma, con le prime consegne della sf90 spider iniziate durante il periodo, e quelle della portofino m entrate in fase di accelerazione.