Contenuto riservato agli abbonati

Modena. Grande festa per TreEmme: 40 anni insieme per giocare

Il club fondato nel 1981 ha cambiato tre sedi ospitando migliaia di associati Noto a livello internazionale, oggi è un marchio di qualità affermato

Andrea Ligabue

Modena è ormai da tutti riconosciuta come la capitale del gioco di società, grazie a quanto la nostra città ha negli anni fatto per la diffusione del gioco da tavolo, di ruolo e tridimensionali tanto a livello locale quanto a livello nazionale ed internazionale.


Gran parte di questo merito va senz’altro al club TreEmme probabilmente una delle più consolidate associazioni ludiche italiane e senz’altro la più longeva: una delle poche realtà che ha attraversato a testa alta tutti i cambiamenti che il mondo del gioco ha avuto negli ultimi quarant’anni. I giochi di simulazione, l’arrivo del gioco di ruolo e dei giochi di carte collezionabili, l’ascesa dei videogiochi in rete fino alla nuova età dell’ora del gioco da tavolo. Fondato ufficialmente il 19 dicembre 1980, da sempre il 1981 è considerato il vero anno di nascita. E per questo nel 2021 festeggia i suoi quarant’anni, la stessa età delle più antiche ludoteche italiane e al pari di esse uno dei luoghi di aggregazione e cultura ludica più significativi ed interessanti.

Nato nei “sotterranei” del negozio “I giochi dei grandi” di Modena, poi divenuto “Orsa Maggiore”, un tempo in piazza Matteotti, il TreEmme prende il suo nome originale, 3M, dall’acronimo Modellismo Militare Modenese ma una leggenda dice sia stato anche un piccolo omaggio ai fratelli Tremazzi, proprietari del negozio e tutti e tre tra i quindici soci fondatori.

L’atto costitutivo recita: «Lo scopo del club è quello di permettere a tutti gli interessati di ritrovarsi per partecipare insieme a wargames ed altri giochi di simulazione e promuovere contemporaneamente tornei e dimostrazioni per una sempre più ampia divulgazione». Nella sua storia è sempre rimasta forte la vocazione associativa alla promozione e divulgazione del gioco tanto è vero che negli anni sono nate sedi a Carpi, Maranello, Roma e Vercelli costituendo di fatto per alcuni anni una vera e propria federazione di associazioni ludiche.

Pionieristico nel mondo del gioco ma non solo, è stato una della prima realtà ad approdare su internet con un sito dedicato, “Il Labirinto Maledetto”, per anni un riferimento in Italia per tutti gli appassionati di giochi.

Proprio la diffusione di internet e la grande visibilità del sito dell’associazione spinse la Minesota Mining and Manufacturing Company (3M) a chiedere il cambio del nome dell’associazione da 3M a TreEmme.

Il club TreEmme si è distinto a livello nazionale per avere fatto crescere e maturare la convention nazionale dei giocatori in un primo tempo itinerante nella ModCon, una manifestazione di grande importanza fissa a Modena ospitata negli spazi della Polisportiva Sacca e poi averne guidato il passaggio ed evoluzione verso “Play – Festival del Gioco”, l’evento fieristico dedicato al gioco di maggiore importanza a livello nazionale.

Le prima quattro edizioni di ModCon si svolsero al Palazzetto dello Sport nel 1985, ’87, ’91 e ’95. Ci fu poi, nel 1998 un’edizione negli spazi dell’area Ex Amcm per poi passare alla Polisportiva Sacca dal 1999 e rimanere con sede fissa a Modena fino al 2007, fatta eccezione per l’edizione 2001.

La rilevanza del Club TreEmme a livello internazionale è testimoniata dai grandi nomi del gioco che parteciparono alle convention: da Jervis Johnson, uomo di punta della Games Workshop, a Gary Gygaxx, uno dei padri fondatori di Dungeons & Dragons e del gioco di ruolo.

Tante sono state le collaborazioni del Club TreEmme con il tessuto locale e le istituzioni Modenesi. Tornei di giochi da tavolo e di ruolo, attività con le scuole e con le biblioteche e per molti anni la gestione di una vera e propria area gioco alla Festa provinciale del Partito Democratico.

Il Club TreEmme ha avuto nella sua storia diverse sedi: come detto, dal negozio “I giochi dei Grandi” si passò ad una piccola stanza alla crocetta per poi approdare in via Viterbo. Il passaggio ad una sede più grande, presso la Polisportiva Sacca, in via Paltrinieri 80, fu necessario nel 1995 per l’esplosiva crescita degli associati. Ospitati all’inizio nella palazzina che sorgeva dove oggi c’è il parcheggio nella primavera del 1996 un rogo bruciò la sede associativa assieme a giochi, miniature e storia di molti associati. Commuovente l’affetto dimostrato da tante associazioni ludiche Italiane che aiutarono con donazioni e amicizia. Nel 2008, alla presenza del sindaco Giorgio Pighi, venne inaugurata finalmente la nuova sede ricavata dalla ex bocciofila dove tutt’ora l’associazione svolge le sue attività ludiche. Dalla sede del Club TreEmme sono passati negli anni migliaia di giocatori, alcuni dei quali hanno poi dato vita ad aziende, negozi ed altre realtà impegnate nel mondo del gioco. Buon gioco a tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA