Contenuto riservato agli abbonati

Vignola piange Sebastian, lottava contro la Sma

Aveva 10 anni ed era conosciuto in città per la sua tenacia e per le battaglie di mamma Emanuela: «Ora vola libero»

Vignola. «Il dolore è lancinante, è troppo. Non so riuscirò a vivere questa vita senza te. Ora so che sei libero e che sei col tuo papà adesso. Vola libero mio piccolo amore grande».

Sono le parole di mamma Emanuela, la mamma di Sebastian Guercio. Il bambino di 10 anni, ne avrebbe compiuti undici alla fine dicembre, che combatteva contro la Sma, una malattia neuromuscolare, e che da ieri non c’è più. A piangerne la scomparsa, insieme a Emanuela con Marco, ai fratelli Giordana e Manuel, un’intera comunità. La comunità vignolese che ha voluto omaggiare Sebastian con diversi messaggi di cordoglio arrivati, durante la giornata, sui social.


Proprio sui social dove, per far sentire ancora di più la propria voce, la mamma aveva ideato a una pagina Facebook sulla quale raccontare i momenti di vita del figlio: “Sebastian il torello”. Un luogo virtuale, quello, dove nel tempo hanno avuto la possibilità interagire quasi 6mila persone. In tanti di loro, infatti, conoscevano Sebastian e la mamma.

Anche il Comune di Vignola ha voluto ricordare il bambino con queste parole e una bella foto: «L’Amministrazione comunale esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Sebastian Guercio, bambino vignolese la cui vita è stata segnata dalla malattia, ma anche dal grande amore dei suoi familiari. Le più sentite condoglianze alla mamma, alla sorella e al fratellino in un momento di dolore lacerante».

Della battaglia di Sebastian e di quella della mamma racconta l’avvocato Laura Andrao, la legale che da diverso tempo segue la famiglia vignolese: «In particolare ho seguito le battaglia di una mamma che ha dato tanto al proprio bambino. È stata mamma, infermiera, insegnante di sostegno, assistente. Ha lottato ogni giorni per ottenere un’inclusione del figlio per potergli essere utile nel migliore dei modi possibile. Questo per tutti noi è un momento molto triste – sono sempre le parole dell’avvocato – Lo è anche per l’associazione “Un respiro nel futuro” di Modena che è stata vicina a Emanuela e Sebastian. Ci tengo a dirlo a nome dei soci e dei volontari che si stringono alla famiglia».

L’ultimo saluto di Sebastian è stato fissato per domani, alle 11, presso la chiesa di Brodano a Vignola.

E.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA