Contenuto riservato agli abbonati

Vignola. «L’auto “impazzita” ci ha quasi investiti»

«Portavo mio figlio all’asilo: ha colpito la mia vettura e altre in sosta, poi una colonnina». Subito preso dalla polizia locale

Elena Pelloni

Vignola. Una mina vagante. Così è sembrata agli occhi dei moltissimi testimoni la Golf grigia che, come una scheggia impazzita, ha urtato ieri mattina diverse macchine in sosta su viale Mazzini, prima di schizzare via. A correre il rischio maggiore, però, sono stati una mamma e suo figlio che in quel momento stavano scendendo dalla propria auto per raggiungere l’ingresso dell’asilo delle suore. Sono stati prima salvati dalla portiera lasciata aperta e poi costretti a ripararsi dietro alla propria auto per sfuggire alla follia del 50enne alla guida della Golf.


Ma andiamo con ordine. Sono le 8.30 di giovedì mattina, orario di entrata per i piccoli studenti delle scuole materne delle suore di Vignola, il cui ingresso affaccia appunto su viale Mazzini. Una Volkswagen grigia spunta da una delle vie laterali e inizia la manovra per immettersi sul viale. «Stavo facendo scendere mio figlio dalla macchina, per scortarlo fin dentro alla scuola – ricorda la mamma – Quando ho visto il muso di quell’auto grigia centrare in pieno il mio sportello. Inizialmente non ho capito cosa stesse succedendo, ho semplicemente visto l’auto arrivare a qualche centimetro del mio ginocchio, all’altezza del viso di mio figlio. Ho pensato che fosse davvero difficile sbagliare una manovra come quella, visto l’ampio spazio disponibile. Poi l’auto ha fatto retromarcia, ma ripartendo ha centrato per la seconda volta il mio sportello. A quel punto ho temuto il peggio». La donna racconta di essersi riparata assieme al figlio dietro alla propria auto, completamente disorientata da quanto stava accadendo. Il genitore di un altro bambino, che, come molti altri, stava assistendo attonito alla scena, ha avuto la prontezza di fotografare la targa dell’auto. L’uomo di 50 anni, che mai ha lasciato il proprio posto di guida, accorgendosi delle molte persone che volevano fermarlo, ha spinto sull’acceleratore, andando però a sbattere contro diverse altre auto parcheggiate in sosta lungo il viale.

«Non sembrava affatto lucido, anzi – aggiunge la donna – Sono andata subito a sporgere denuncia presso la polizia locale di Vignola, dove sono arrivati anche i proprietari delle auto in sosta danneggiate. Gli agenti sono stati davvero impeccabili e qualche ora dopo, intorno alle 12, ci hanno avvisato di aver identificato il responsabile. Tra l’altro ci hanno fatto sapere che, poco dopo, ha causato anche un altro incidente, andando a sbattere contro una centralina elettrica».

Si può dire che quanto avvenuto ieri in viale Mazzini rappresenti uno di quei casi che, pur nella disgrazia, non ha concorso al peggio. Diverse sono infatti state le persone che hanno assistito a quanto accaduto ma, fortunatamente, nessuno è rimasto ferito. L’uomo di 50 anni è ora a disposizione della polizia locale che sta svolgendo gli accertamenti per capire a cosa fosse dovuto un simile irragionevole comportamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA