Contenuto riservato agli abbonati

Sabato 19 novembre torna il corteo no-pass Brambilla: «Stretta sui no vax»

MODENA. Un pomeriggio dedicato alle proteste quello di domani a Modena. Saranno ben due gli eventi no-green pass e no-vax che si terranno in città. Il primo, attorno alle 15.30, una sorta di conferenza statica all’interno del parco Novi Sad, con alcuni relatori.

Il secondo prenderà il via subito dopo attorno alle 17 e stavolta sarà un corteo. Il percorso individuato dovrebbe essere quello che dal parco Novi Sad porta al monumento dei Caduti. Inutile evidenziare quali saranno le ripercussioni sul traffico in quell’ora di punta.

Nel frattempo il direttore generale di Ausl, Antonio Brambilla, è tornato sul tema delle vaccinazioni, facendo il punto anche sui ricoveri: «Da circa un mese abbiamo un numero stabile di pazienti, circa una trentina – specifica – La maggior parte dei contagi in questo momento è nella fascia pediatrica, con un’incidenza di 300 ogni centomila abitanti. Teniamo conto che l’allarme scatta a 50. Per questo ritengo importante che, quando arriverà l’autorizzazione, vengano vaccinati anche i bambini».

Sul dibattito di un’eventuale stretta sui no-vax, con limitazioni in stile Austria Brambilla si limita a dire: «Sarebbe utile».

Questi i dati delle ultime 24 ore nel Modenese. Sono stati rilevati 86 nuovi casi, di cui 36 sintomatici. Per cinque persone è stato necessario il ricovero immediati. Si registra anche un decesso, una donna di 75 anni residente in città. I nuovi guariti sono 66.

I comuni con più casi sono Carpi 5, Castelfranco 8, Formigine 7, Maranello 8, Modena 18, San Cesario 5 e Sassuolo 8.

In Emilia Romagna sono 929 i nuovi casi su oltre 35mila tamponi. L’età media dei nuovi contagi è 41 anni. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 145 nuovi casi e Rimini con 133; seguono Forlì (107) e Ravenna (99); poi Modena (86), Ferrara (80); quindi Reggio (69), Parma (67), Cesena (64 casi) e Piacenza (44); infine il Circondario Imolese con 35 nuovi casi.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 45 (+4 rispetto a ieri), 456 quelli negli altri reparti Covid (-3).