Carpi, decine di furti  fingendosi carabinieri e poliziotti: cinque nomadi in manette

Nello specifico i reati contestati riguardano episodi avvenito tra l'agosto 2019 e il dicembre 2020 nei comuni di Carpi, Modena , Campogalliano , Soliera, Finale Emilia, Concordia sulla Secchia, San Prospero, Modena e San Martino in Rio (RE).

Cinque arresti a Carpi: ecco come agiva la banda

CARPI  I carabinieri della Compagnia di Carpi hanno arrestato cinque persone,  tre uomini e due donne, tutte appartenenti a una comunità di nomadi residenti tra il Modenese e il reggiano, tutti accusati di aver commesso decine di furti fingendosi poliziotti o carabinieri o incaricati di un pubblico servizio.

Nello specifico i reati contestati riguardano episodi avvenito tra l'agosto 2019 e il dicembre 2020  nei comuni di Carpi,  Modena , Campogalliano , Soliera, Finale Emilia, Concordia sulla Secchia, San Prospero, Modena e San Martino in Rio (RE).

Le indagini , durate alcuni mesi in considerazion del numero e della complessita della ricostruzione di ogni episodic delittuoso sono state svil uppate anche attraverso un' accurata attivita di analisi di ore di filmati acquisiti dalle telecamere di videosorveglianza che hanno pemesso di documentare alcuni degli indagati durante la commissione dei furti, oltre che dallo scambio informative tra comandi dell'Arma dei Carabinieri.

I cinque arrestati sono stati portato alle Case Circondariali di Modena e Reggio Emilia 

 

SEGUONO AGGIORNAMENTI