Contenuto riservato agli abbonati

Modena. I ladri del pomeriggio si portano via oro, soldi e una collana di perle

Colpi in due palazzine di via Guinizzelli e a Marzaglia Inferriate tagliate o finestre sfondate per entrare in casa

Almeno sette tentativi di furti nel tardo pomeriggio di giovedì senza contare poi quelli non segnalati o ancora da scoprire. Come in ogni periodo pre natalizio le bande di ladri itineranti colpiscono senza particolari timori usando un’unica accortezza: evitano il contatto con le vittime, se intuiscono che qualcuno è in casa scelgono di defilarsi e di passare ad un obiettivo più semplice da colpire.

Una tesi che trova conferma in almeno un paio di situazione avvenute tra via Guinizzelli – alle spalle del cimitero di San Cataldo – e a Marzaglia dove la presenza dei proprietari di casa, ormai pronti per la cena li ha fatti desistere. In questo caso rimangono soltanto una finestra parzialmente smontata e un’inferriata in parte scardinata.


Ma quando nelle abitazioni non c’è nessuno i raid avvengono senza alcuna premura. Sempre in via Guinizzelli, oltre alla casa “abbandonata”, è stata predata una palazzina di due appartamenti. I ladri sono entrati in entrambi gli alloggi sfruttando il balcone su cui si sono arrampicati. E a nulla sono servite le spesse inferriate alle porte finestre. Con un attrezzo hanno tagliato una sbarra, il tanto che bastava per sfondare poi il vetro e aprirsi l’accesso alla casa. I colpi sono stati fotocopia: una volta dentro, sono state messe a soqquadro tutte le stanze alla ricerca di monili d’oro, soldi e preziosi di valore. Che hanno trovato.

Le due famiglie erano ancora fuori casa, una era a fare la spesa. Non è rimasto loro altro da fare che contattare le forze dell’ordine per un rapido sopralluogo. Lo stesso è avvenuto in una borgata di Strada Chiesa a Marzaglia dove sono almeno tre le abitazioni in cui una banda ha tentato di introdursi. In due casi non sono riusciti, ma nella villetta di una donna non hanno avuto pietà. Hanno sfondato una finestra al piano terra e quando hanno avuto accesso si sono mossi alla ricerca del bottino. «Hanno vuotato tutti i cassetti lasciando i vestiti abbandonati a terra su cui hanno poi camminato con le scarpe infangate – spiega la vittima – La sensazione di insicurezza è totale ma soprattutto è sgradevole la percezione di impunità per questa gente». Da una prima stima sono certamente spariti un orologio di valore, alcuni gioielli e anche una collana di perle. Si parla di circa 6mila euro di valore che andrà comunque quantificato.

E lo sconforto della borgata è elevato soprattutto tra chi era in casa e non si è accorto di nulla, ma che ora vive in allerta, intimorito dal fatto che, soprattutto in questo periodo, ogni casa è a rischio furto.

F.D.

© RIPRODUZIONE RISERVATA