Contenuto riservato agli abbonati

Vignola. Rapinano il negozio e poi fuggono in corriera

Blitz di due giovani da Gilioli Sport: per rubare due giacconi spintonano il titolare. L’arrestato recidivo in una settimana

Daniele Montanari

Vignola. Rapinano un negozio in centro per portarsi via due giacconi sportivi ultimo grido e poi scappano... in corriera.


Impresa sicuramente singolare quella di cui si sono resi protagonisti due giovani nordafricani giovedì mattina a Vignola, ma gravissima nelle sue modalità, tanto da condurre a un arresto. È successo tutto verso le 9.30 in un negozio conosciutissimo come il Gilioli Sport di Corso Italia. Pieno giorno insomma, cosa che non ha affatto intimorito i due, che forse pianificavano l’azione da tempo, avendo già individuato chiaramente il loro bersaglio. Fatto sta che sono entrati da Gilioli come normali clienti, hanno adocchiato due giacconi tecnici di loro gradimento e poi... Hanno fatto per andare via senza pagare. Il titolare ovviamente si è opposto, per una questione di principio e per il valore della merce, intorno ai 350 euro. Da qui sono arrivate le minacce dei due, che con i giacconi addossi erano ormai decisi a portarli via giocandosi il tutto per tutto. Il titolare ha fatto per bloccarli, e qui si è configurata la rapina, perché i due per arrivare all’uscita lo hanno spintonato, per fortuna senza ferirlo. Lui, con un bel coraggio, li ha inseguiti in strada: non è riuscito a fermarli, ma ha visto la singolare via di fuga che avevano preso: il bus. Vedendo passare la corriera infatti vi sono saliti su al volo pensando di riuscire così a farla franca.

E invece no, perché il titolare ha subito chiamato i carabinieri, fornendo una descrizione ben precisa dei due, dei giacconi e della corriera su cui erano saliti. I militari della Compagnia di Sassuolo sono riusciti a individuare in fretta il bus: lo hanno seguito e alla fermata hanno riconosciuto i due in base agli elementi forniti. Ne è quindi nato un inseguimento a piedi, in cui uno è stato bloccato, mentre l’altro è riuscito a fuggire. Ma c’è una storia nella storia: il giovane è risultato infatti già arrestato per rapina il 18 novembre. Il giudice l’aveva rimesso in libertà con mille raccomandazioni di buona condotta e il divieto di dimora nella provincia di Modena. Lui non ha ottemperato né all’una né all’altra cosa, finendo in recidiva nell’arco di un settimana. Recuperato solo uno dei giacconi, ma da Gilioli lo stesso sentiti ringraziamenti: «I carabinieri hanno saputo dare una risposta rapida ed efficace: non mi era mai capitato di subire una rapina, e li ringrazio con tutto il cuore per l’intervento e il supporto che mi hanno dato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA