Contenuto riservato agli abbonati

I predoni di Bmw: raid notturno e auto distrutte a Castelfranco

Almeno quattro i mezzi presi d’assalto tra sabato e domenica. Spariti volanti, computer di bordo e pure i portamonete

CASTELFRANCO. L’obiettivo fin troppo chiaro, lo scopo altrettanto, il metodo d’azione pure. Un vero e proprio raid quello andato in scena, nella notte tra sabato e domenica, a Castelfranco. Nel mirino sono finite alcune auto, almeno quattro parcheggiate in varie aree della città. La marca? Bmw. I ladri le hanno razziate di diverse componenti, in particolare di quelle interne. Spariti, dunque, volanti, cruscotti, strumentazioni varie. Dei computer di bordo nemmeno la traccia, spariti addirittura i porta monete. Oggetti, questi, che saranno rimessi sul mercato nero. I danni? Tanti, come conferma Gabriella Scarella. Anche la sua auto, una Bmw 320, è stata colpita dai malviventi: «È la seconda volta in poco tempo. Nel precedente caso il danno era stato di 10mila euro, per questo sarà la stessa cosa». La vettura era parcheggiata davanti a casa, in via Meletti: «In una zona residenziale che definirei tranquilla. Invece ci siamo trovati questa sorpresa, ancora una sorpresa del genere. Sono molto amareggiata per quanto accaduto, credo siano necessarie le telecamere anche in queste aree. Sarebbero fondamentali per smascherare questi ladri».

Stesso scenario, ma in questo caso in via Puccini. Chi parla, in questo caso, è Simone Sini che, guarda caso, ha una Bmw 320D station wagon. L’elenco è lungo: «Cosa manca? Centralina radio con comando pad, monitor e volante oltre ad avere spaccato i comandi clima. Insomma, un bel danno. Non ho ancora il preventivo dalla carrozzeria, ma dovrò spendere qualche migliaio di euro».


Non c’è il volante e addirittura è sparito il porta monete nella Bmw di Daniele Bussadori. Anche in questo caso siamo a Castelfranco, la zona è quella della Coop: «Era parcheggiata in strada, un Serie 1 completamente razziata».

Lo stesso è poi successo anche a un’altra persona, una donna che ha denunciato il caso su Facebook con tanto di fotografie. Lo scatto più o meno simile ai precedenti con l’interno dell’auto, ovviamente una Bmw, distrutto dai ladri e il finestrino posteriore rotto per aprire l’auto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA