Un anno fa l'alluvione: Nonantola ricorda il dramma

Un anno fa la rotta del Panaro e l'alluvione di Nonantola e di una parte della periferia di Modena

Domenica 5 la cittadina ricorderà quanto accaduto e renderà onore ai volontari

Domenica 5 dicembre Nonantola ricorderà la rotta del Panaro del dicembre 2020, evento drammatico che causò danni gravissimi a gran parte del suo territorio, ringraziando il volontariato di Protezione Civile.

Per l’occasione infatti torneranno a Nonantola, in rappresentanza dei tanti volontari che con il loro impegno contribuirono a liberare il paese da acqua e fango, i delegati delle 4 colonne mobili regionali di Protezione Civile, provenienti dall’Emilia Romagna, dal Veneto, dal Piemonte e dalla Lombardia.

 

Programma della giornata

 

Alle 10 30: visita del paese con i volontari

 

Alle 12 30: pranzo di ringraziamento alla presenza del Consiglio Comunale in rappresentanza di tutta la cittadinanza

 

Federica Nannetti, Sindaca di Nonantola. Il ricordo di quel 6 dicembre 2020 – e dei giorni successivi –rimane ,e rimarrà a lungo, indelebile nella mente e nel cuore dei nonantolani.  Ancora oggi, ad un anno di distanza, la nostra comunità mostra con evidenza gli strascichi non solo concreti, ma anche emotivi, della gestione dell’alluvione.

E’ giusto però ricordare, in questa occasione, ciò che di bello e buono abbiamo vissuto in quei giorni: a partire dalla solidarietà, disponibilità e aiuto dei tanti volontari di protezione civile che con competenza e costanza hanno aiutato cittadini ed  imprese ad “uscire dal fango” e ripartire. Quello di domenica vuole essere solo un primo momento di ringraziamento: purtroppo la situazione pandemica non ci permette ancora di organizzare un momento collettivo come avremmo voluto, ma in primavera ringrazieremo anche i tanti volontari della società civile, cittadini e attività del territorio e dei comuni limitrofi, che ci sono stati vicini in quei difficili giorni.