Contenuto riservato agli abbonati

Carpi. Si accascia e muore mentre gioca a carte insieme agli amici

Angelo Papa stroncato da malore al circolo “Nuovo nero di picche”  «Ci ha lasciati tra le nostre braccia, nella sua seconda casa»

CARPI Gli amici hanno tentato di rianimarlo con tutte le loro forze. Non potevano credere che Angelo li lasciasse così, mentre stavano giocando un torneo di poker. E non avrebbero mai voluto che fosse la sua ultima mano.

Se n’è andato così, Angelo Papa, 70 anni, socio onorario del circolo “Nuovo nero di picche” di via Cattani, dove nella notte fra martedì e ieri, stava disputando un torneo insieme a una quindicina di amici.


Angelo aveva ribattezzato il circolo come sua seconda famiglia. Spesso passava in via Cattani anche solo per un caffè o per fare due parole con lo staff. Fino alla tragedia. Gli amici hanno chiamato l’ambulanza e sul posto sono arrivati anche i carabinieri. Non c’è stato nulla da fare. Angelo non ha ripreso conoscenza.

«Non ci sono parole per descrivere il nostro stato d’animo in questo momento: proviamo solo tanta rabbia e dispiacere – dicono dal circolo – È morto li tra le nostre braccia, nella sua seconda casa e forse per lui eravamo anche la sua seconda famiglia. Ci mancherà tantissimo».

Il “Nuovo nero di picche”, ha chiuso momentaneamente le attività per lutto.

«Era uno dei soci più anziani della sala, veniva qui da una decina d’anni – proseguono dallo staff – Gli piacevano diversi giochi di società: anche gli scacchi».

«Non ci posso credere – aggiunge un amico – Era al tavolo di fianco al mio. Chi lo avrebbe mai detto...».

La morte di Papa ha suscitato profondo cordoglio nei numerosi amici che lo hanno accudito. E la figlia Ramona rivolge un ringraziamento «ai ragazzi del Nero di picche per quello che hanno fatto per mio padre stanotte (la notte scorsa per chi legge, ndr). Gli sono stati vicino nel momento più brutto e lo avete aiutati. E siete stati molto gentili con me».

Chi volesse rivolgere un ultimo saluto ad Angelo lo può fare da oggi: alle 14.30 si può accedere alla camera ardente. Domani, alle 10, si partirà dalle camere ardenti per il cimitero.

Serena Arbizzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA