Contenuto riservato agli abbonati

Carpi. C’è il rischio pesticida, mezza tonnellata di riso ritirata dal mercato

Lavorata da Carpi Riso ha una concentrazione non regolare Il titolare: «Contatto o con l’agricoltore o nel trasporto»

Serena Arbizzi

CARPI. Un quantitativo totale di 420 chili di riso distribuito, a livello locale, tra le province di Modena e Reggio, è stato richiamato dal ministero della Salute a causa di un rischio chimico. In particolare, sono stati ritirati dal commercio alcuni lotti di Riso Arborio di Carpi Riso: sul sito la data di pubblicazione risale al 18 dicembre, ma sugli avvisi di richiamo si legge che la data dei controlli è quella del 3 dicembre scorso.


Il motivo del richiamo consiste nella presenza di valori non conformi di tetrametrina, ossia un pesticida. I numeri di lotto coinvolti sono: 210105A, con data di scadenza o termine minimo di conservazione del 27 luglio 2023 e rappresentato in vendita dalla confezione sottovuoto di un chilo. Oltre a questo, è nel mirino anche il 210105A, con data di scadenza o termine minimo di conservazione del 27 gennaio 2023. La confezione, in questo caso, è di 500 grammi in cellophane.

Oltre alle partite vendute a livello locale, ne sono state distribuite altre all’estero, in Paesi anche molto lontani. Carpi Riso, infatti, è famosa per vendere pure ai cinesi il prodotto con il brand che fa capo allo stabilimento di via Milano.

«Crediamo che il contatto con quel pesticida possa essere avvenuto presso l’agricoltore, oppure durante il trasporto se sul mezzo ne era rimasto qualche residuo – spiega Vittorio Baetta, titolare di Carpi Riso – Per fortuna sappiamo che non è stato venduto a molti clienti, il prodotto per cui è stato ordinato il ritiro. Si tratta di un pesticida non ammesso sul prodotto».

La tetrametrina è molto diffusa anche in ambito industriale, per garantire una conservazione efficace degli alimenti. Qualcosa nell’iter produttivo si è incagliato e i parametri non sono stati rispettati.

Carpi Riso conta 11 dipendenti e nel 2020 ha fatturato circa sette milioni di euro. Il riso Arborio è uno dei prodotti di punta dell’alimentazione ed è molto facile ritrovarlo sulle tavole degli italiani, ma non solo. Chi dovesse accorgersi di avere in casa uno dei lotti sopra, deve riportarlo al punto vendita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA