Contenuto riservato agli abbonati

Sassuolo, il progetto: Confrontarsi sulla malattia, si può grazie a un sito web

La sassolese Franca Castelli ha dato vita al portale internet StoMale.info L’obbiettivo è quello di darsi supporto e non certo di sostituirsi ai medici

Stefania Piscitello

C’è chi sente perennemente un orecchio tappato, chi invece dice di soffrire di vertigini mentre altri vorrebbero seguire una dieta. Esperienze differenti tra loro, che gli utenti del nuovo sito realizzato da una ambiziosa sassolese, hanno deciso di rendere pubbliche per cercare un confronto o talvolta un conforto da chi ha vissuto qualcosa di simile.


L’idea è nata durante la pandemia, quando le persone hanno sentito più che mai la necessità di confrontarsi sulle proprie esperienze in particolare davanti a una malattia nuova, il Covid. Questo è stato perlomeno il punto di partenza o meglio, lo spunto dal quale la sassolese Franca Castelli si è mossa per creare “StoMale.info”, una community per chi soffre di piccoli o grandi problemi di salute. Castelli alle spalle ha un curriculum ricco di esperienze. Basti pensare che nel 2018 è stata eletta dallo State Department Usa tra i 70 leader dell’innovazione transatlantica. La sassolese non ha però voluto fermarsi, e ha continuato a lavorare seguendo in un certo senso la scia di un progetto di grande successo da lei realizzato qualche anno fa: JobReference, startup vincitrice di numerosi premi che è una sorta di guida al mondo del lavoro, dei colloqui e delle aziende, argomenti sui quali gli utenti possono lasciare le proprie recensioni.

Adesso Castelli ha deciso di adattare questo modello, quello delle recensioni, al settore della salute, ricordando come in ogni caso lo scambio di esperienze tra gli utenti mai si sostituirà al parere medico, sempre fondamentale nella diagnosi e cura di qualsiasi patologia. L’obiettivo della nuova piattaforma è semplice: creare una community di persone affette dalle stesse patologie, in modo tale che queste possano supportarsi tra loro e costruire un senso di comunità che possa perché no, aiutarle a superare il disagio causato dalla malattia, più o meno grave che sia.

Il funzionamento della piattaforma di Castelli è molto intuitivo e dà l’opportunità a chi scrive di aprirsi senza timori: sì, perché gli utenti di “Stomale.info” possono mantenere il proprio anonimato. Navigando sul sito si possono esplorare varie sezioni.

Ad esempio, alla voce “Elenco patologie”, è possibile accedere a quella che è una sorta di enciclopedia delle malattie, che sono divise in ordine alfabetico. Cliccando su ognuna di esse su potranno leggere eventuali discussioni aperte dagli utenti: non tutte le patologie per il momento riportano ad esperienze dirette ma col passare del tempo saranno gli stessi utenti a creare questo piccolo “tesoretto” di testimonianze, raccontandosi.

Intanto per leggere le discussioni già aperte si può cercare un determinato argomento utilizzando delle parole chiave o semplicemente “sfogliare” quelle che sono definite recensioni, che rispondono ad alcune questioni, da quanto sono fastidiosi i sintomi, alla difficoltà di diagnosi, fino alla possibilità di guarigione e all’efficacia della cura farmacologica.

Insomma, “Stomale.info” vuole fornire uno strumento di confronto tra chi vive gli stessi problemi e ha necessità di conoscere l’esperienza altrui per sentirsi, in un certo senso, meno solo, e magari sentire direttamente da chi lo ha vissuto sulla propria pelle che sì, quella malattia è “difficile”, ma ascoltando i consigli del medico si può superare o imparare a conviverci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA