Contenuto riservato agli abbonati

Formigine. Dopo la lotteria, tutti in fila da Roberto «Il Gratta e Vinci sceglilo con le tue mani»

La Tabaccheria Castello presa d’assalto e un cliente mormora: «Io so chi è il Paperone, abita in campagna...»



formigine. «Roberto, scegli tu il biglietto, hai la mano fortunata». Un copione che ieri per tutto il giorno è andato in scena alla Tabaccheria Castello di Formigine, tra piazza Repubblica e piazza Calcagnini. La tabaccheria, che riceverà una percentuale della vincita da 2,5 milioni di euro del secondo premio della Lotteria Italia, è stata letteralmente presa d’assalto nelle ultime ore e pare che qualcuno abbia detto di conoscere il neo Paperone.



La notizia del tagliando risultato vincitore del secondo premio della Lotteria nell’estrazione dell’Epifania ha fatto il giro d’Italia e alla ricevitoria non possono che essere entusiasti. L’entusiasmo è tanto anche da parte dei numerosi clienti che come in una sorta di pellegrinaggio si sono recati numerosi in cerca del “colpo grosso”.



A una condizione: che fosse Roberto Coggi, il titolare, a consegnare i Gratta e Vinci, o le schedine, o il Milionario. «Abbiamo venduto soprattutto molti Gratta e Vinci – conferma Coggi – e molti clienti volevano che fossi io a scegliere il biglietto per loro. Mi dicono “hai la mano fortunata”».

Certo le battute non sono mancate, sempre incentrate sulla “caccia” al neo Paperone. C’è chi cerca di tracciare l’identikit di chi possa avere acquistato il biglietto P 297147 che, facendo due conti, pare possa essere stato venduto ad ottobre: «È uno del posto», continuano a dire le persone in fila o alla cassa. «Un cliente – rivela Roberto – ha detto che conosce chi ha vinto: è una persona che vive in campagna ed aveva bisogno di un colpo di fortuna. Ma sono certo che scherzasse, qui non sono mancati gli scherzi oggi, e poi l’ha detto in un momento in cui c’era un mucchio di gente».

Fatto sta che ancora il possessore del tagliando non si è messo in contatto con la Tabaccheria Castello, e certo non è così scontato che lo faccia: ma chissà, forse appena si saranno calmate le acque potrebbe fare visita a Roberto e sua moglie Giusy Monachello. Intanto dalla ricevitoria non possono lamentarsi, anzi: «Abbiamo saputo che a noi spetta lo 0,5 per cento della somma vinta, meno le tasse. Facendo due conti dovremmo arrivare a circa 9.400 euro ma non ho ancora la cifra precisa. Certo siamo felicissimi, insomma, più di 9mila euro per avere staccato un biglietto!», continua Coggi. Nell’aria è ancora festa, e tanti continuano a sperare che a vincere sia stato proprio un formiginese. Una speranza che in qualche modo rende tutti più felici: a Formigine tanti si conoscono e l’idea che ad acquistare quel biglietto sia stato qualcuno di vicino fa a tutti piacere. «Sono venuti in tanti a farci gli auguri anche stamattina», prosegue il titolare mentre continuano ad entrare clienti. C’è chi gratta un biglietto e tenta la fortuna, c’è poi chi non ha invece mai giocato e si informa su come si fa: «Io non ho comprato il biglietto della Lotteria Italia – racconta una signora – e me ne sono pentita!». Inevitabilmente poi tutti continuano a fantasticare su quello che farebbero loro con quella somma, 2 milioni e mezzo di euro. C'è Luisa Castello, una giovane ragazza che dice che prima di tutto penserebbe alla famiglia: «Senza ombra di dubbio comprerei una casa per i miei genitori. Loro sono del sud Italia, quindi penso proprio che la comprerei lì. Poi sicuramente fare una bella vacanza. Certo, il periodo non aiuta, ma andrei in posti che normalmente non ci si può permettere». Anche un altro giovane, Federico Cornia, dopo averci pensato un attimo fantastica: «Io visto il periodo problematico andrei sicuramente fuori dall’Italia. Poi vorrei semplicemente stare bene e godermi la vita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA