Contenuto riservato agli abbonati

Modena.  Vaccini, open day per bambini e ragazzi «Vogliamo che la scuola sia in presenza»

Domenica 16 gennaio per la fascia di età tra i 5 e i 19 anni A Modena le somministrazioni saranno alla Casa della salute Occorre registrarsi sul sito

Sarà una domenica dedicata alla scuola, quella del 16 gennaio, in tutta la Regione: in tutte le città dell’Emilia Romagna, infatti, si terrà un open day vaccinale per i minori.

L’iniziativa si terrà anche a Modena, presso la Casa della Salute (via Rita Levi Montalcini, 200), dalle 9 alle 19: possono accedere tutti i bambini e ragazzi modenesi dai 5 ai 19 anni.


Due le fasce orarie dedicate. Dalle 9 alle 13: vaccinazione pediatrica 5-11 anni con prime dosi per coloro che non hanno ancora ricevuto l’appuntamento, lo vogliono anticipare o non hanno potuto presentarsi nella data indicata dall’Ausl. Dalle 14 alle 19: vaccinazione dei ragazzi di 12-19 anni che vogliono anticipare l’appuntamento ricevuto per la dose booster (rispettando comunque l’intervallo di almeno 4 mesi dalla seconda dose) o anche avviare il ciclo primario.

Pur trattandosi di Open Day, alle famiglie è richiesto di compilare un modulo di autosegnalazione necessario per evitare assembramenti e gestire al meglio l'organizzazione delle sedute, collegandosi alla pagina dedicata su internet ausl.mo.it/vaccino-covid/open-day-16-gennaio. Il form (distinto per ciascuna fascia d’età) sarà attivo dalle 13 di oggi.

Dopo l'avvenuta compilazione del form, l'Ausl invierà all’indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione la conferma della prenotazione completa di fascia oraria prescelta e il link a cui collegarsi per scaricare la modulistica e i documenti utili da consegnare, debitamente compilati e firmati, agli operatori sanitari il giorno della vaccinazione.

Chi aveva già l’appuntamento per la prima dose o la dose booster e vuole anticiparla potrà poi disdire il suo appuntamento già fissato dopo l'Open Day di domenica 16.

«Voglio fare un appello alle famiglie a vaccinare i loro figli – dichiara Silvana Borsari, responsabile della campagna di vaccinazione anti covid-19 – accedendo tramite l’appuntamento già ricevuto oppure approfittando dell’open day di domenica. Ormai è noto che il covid può colpire anche i bambini, che oltre a rischiare sintomi anche gravi, possono essere soggetti alla cosiddetta sindrome “long-covid”. Inoltre, la terza dose per i ragazzi che hanno già completato il ciclo è molto importante perché bisogna mantenere alta la copertura e proteggere non solo il mondo della scuola ma, più in generale i luoghi della loro socialità, dello sport. Sappiamo che stanno tuttora soffrendo per le incertezze e le limitazioni dovute al covid, vogliamo ridurre al minimo questo disagio e soprattutto ridurre il rischio che si ammalino».

«Se vogliamo che la scuola sia presenza e sicura è indispensabile, oltre al rispetto dei protocolli, che tra i banchi siedono più vaccinati possibili», affermano il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini.