Contenuto riservato agli abbonati

Carpi. Residenti minacciati dal ladro sul balcone «Zitti o vi accoltello»

Il primo testimone intuisce il furto nell’abitazione del vicino Un bandito impugna l’arma poi fugge e viene inseguito

Serena Arbizzi

Serata movimentata in via Napoli, giovedì, con i residenti che sono riusciti a sventare un furto. Ma una volta sorpresi in flagrante i ladri hanno minacciato senza timori i cittadini prima di trovare una via di fuga e dileguarsi nel buio.


Erano le 20.45 quando uno degli abitanti del quartiere, appena rincasato, ha sentito dei rumori provenire dall’abitazione del vicino. Si tratta di una zona residenziale, costituita prevalentemente da ville, abitazioni a schiera e un condominio che campeggia al centro della strada che congiunge via Remesina a via Giovanni XXIII. Il testimone, quando ha intuito che qualcosa non andasse, si è insospettito: ha osservato il balcone per cercare di decifrare cosa stesse succedendo nella casa dei vicini e ha notato delle ombre. Così non ci ha pensato due volte: resosi conto che si trattava di ladri che cercavano di entrare nella villetta attraverso il balcone, si è messo a urlare e ha attratto l’attenzione di altri vicini di casa, che gli hanno dato una mano nello scacciare la banda. Si trattava di un gruppo composta da almeno tre persone; a loro va probabilmente aggiunto un complice nelle vicinanze che faceva da “palo” per presidiare la situazione ed evitare lo sgradevole arrivo delle forze dell’ordine.

Di fronte alle urla dei testimoni la reazione dei ladri non si è fatta attendere: uno di loro è sceso dal balcone e ha minacciato con un coltello l’uomo che stava cercando di bloccarli dall’intento predatorio. «Se non la pianti di urlare ti ferisco», gli ha gridato il malvivente, ordinandogli di smettere, mentre brandiva il coltello per intimidirlo. Poi, la banda è scappata a bordo di un’auto, inseguita da alcuni residenti che non hanno desistito almeno per il primo tratto.

Sul posto sono intervenuti poco dopo gli agenti del Commissariato di Carpi che hanno preso tutti i rilievi utili alla ricostruzione dell’episodio e all’individuazione dei banditi che stavano per entrare nell’abitazione presa di mira. Tra i dettagli operativi importanti c’è il modello e la targa della vettura utilizzata nella fuga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA