Contenuto riservato agli abbonati

Vignola, furiosa lite in strada all’una di notte Preso a pugni e ferito con un coltello

L’uomo soccorso dal 118 in via Garibaldi, sul posto Finanza e carabinieri che indagano sui fatti

VIGNOLA. È stato soccorso, nella notte tra giovedì e ieri, da una pattuglia dei carabinieri e dal personale del 118 lungo via Garibaldi a Vignola. A pochi passi dall’attraversamento pedonale che porta in viale Mazzini. Ferito da quella che sembrava essere una coltellata e colpito da diversi pugni, in particolare al volto. Sanguinava e parecchio quell’uomo quando i militari hanno fermato a bordo strada la “gazzella” e gli si sono avvicinati. Subito è scattato l’allarme: in centro città, per dare supporto ai colleghi, è quindi arrivata un’auto della Guardia di finanza. Una volta conclusa la prima fase dei soccorsi, con l’uomo trasportato in ambulanza all’ospedale, sono iniziate le operazioni utili a capire quanto accaduto nei concitati momenti attorno all’una.

Di certo, secondo a una prima ricostruzione, c’è la furibonda lite. A confrontarsi, evidentemente in modo violento, due persone di origine straniera. Individui già noti, soprattutto per le loro attività oltre la legge. Non è da escludere, infatti, che l’animato alterco tra i due sia nato per questioni relative allo spaccio di sostanze stupefacenti. Per il momento solamente ipotesi che dovranno trovare conferma, o smentita, dalle indagini dei militari dell’Arma di Vignola. Indagini che, come detto, hanno preso il via già nelle ore seguenti l’accaduto. I carabinieri, infatti, hanno controllato la zona del centro, si sono in particolare concentrati sulle tracce di sangue che l’uomo ferito aveva lasciato a terra durante i concitati momenti dell’aggressione. Un attento controllo utile a individuare in quale luogo si sia effettivamente consumata la lite e il conseguente accoltellamento.


Insomma, una serie di elementi che potranno poi essere utili per ricostruire l’accaduto e rintracciare così l’autore del grave gesto. Con ogni probabilità, poi, verranno prese in considerazione le immagini delle videocamere presenti in centro e nei varchi cittadini, senza dimenticare il racconto dell’uomo straniero che ha riportato le ferite. La persona coinvolta nell’alterco sarà infatti sentita dai militari impegnati nelle indagini. Improbabile, considerata soprattutto l’ora tarda in una nottata infrasettimanale, che ci sia stata la presenza di testimoni che abbiano assistito alla scena e che così possano riportare la loro versione dei fatti. Tutta una serie di elementi che per il momento sono al vaglio dei militari impegnati a capire cosa sia realmente accaduto tra quelle due persone poco dopo l’una vignolese.

F.D.

© RIPRODUZIONE RISERVATA