Ausl Modena Un nuovo numero verde 800 90 90 41 per le segnalazioni Covid

Prosegue il lavoro dell'Ausl per cercare di risolvere i tanti problemi di organizzazione emersi in queste settimane. Dopo le numerosissime proteste per l'effettiva irraggiungibilità dell'Ausl ora viene creato un nuovo numero verde

la giornata

Nuovo recapito per il call center dedicato all’emergenza Coronavirus. Già attivo da ieri il numero verde 800 909041 attraverso il quale i cittadini potranno segnalare eventuali difficoltà rispetto alla propria situazione di isolamento. Il nuovo recapito prenderà il posto del numero 059 3963663 (che è stato reindirizzato al nuovo numero): il cambio di numerazione risponde all’esigenza di ridare piena operatività a tutti gli altri servizi telefonici dell’Azienda Usl di Modena afferenti alla sede del Dipartimento di sanità pubblica che, a causa del numero elevatissimo di chiamate, divenivano irraggiungibili per il consumo di tutte le linee aziendali.


L’Ausl invita la cittadinanza a rivolgersi al numero verde solo in caso di effettiva necessità relativa alla mancata presa in carico o alla mancata ricezione di documenti.

Per necessità informative invece si invitano i cittadini a ricorrere in primo luogo al sito, dove sono raccolte tutte le informazioni in una sezione dedicata all’emergenza Coronavirus disponibile all’indirizzo www.ausl.mo.it/coronavirus, dove sono riportate in maniera dettagliata tutte le notizie sulle durate di isolamento e quarantena previste dalle normative e sulle misure in vigore. Per le informazioni sui casi di positività nelle scuole è possibile consultare sempre il sito dell’azienda Usl all’indirizzo www.ausl.mo.it/coronavirus-scuola. Per avere dettagli sui rientri dall’estero è possibile collegarsi alla pagina www.ausl.mo.it/rientroestero.

Ieri è stata un’altra giornata con migliaia di casi in tutta la regione. A Modena 2618 positivi, con 21 letti occupati in terapia o intensiva, due in meno rispetto a ieri. Quattro i decessi: due donne di 83 e 95 anni e due uomini di 82 e 89 anni.

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 152 (+2 rispetto a ieri, pari al +1,3%), l’età media è di 62,2 anni. Sul totale, 90 non sono vaccinati (zero dosi di vaccino ricevute, età media 62,0 anni), il 59,2%; 62 sono vaccinati con ciclo completo (età media 62,5 anni). Un dato che va rapportato al fatto che le persone over 12 vaccinate con ciclo completo in Emilia-Romagna sono quasi 3,7 milioni, circa 300mila quelle vaccinabili che ancora non lo hanno fatto: la percentuale di non vaccinati ricoverati in terapia intensiva è quindi molto più alta rispetto a chi si è vaccinato.