Contenuto riservato agli abbonati

Sassuolo. Ritorna da scuola per un’emergenza: muore a 16 anni travolto da un camion

Giuliano Napoli era già arrivato nel piazzale del “Volta” poi ha ripreso lo scooter per rientrare a casa. Impatto in via Ancora

Sassuolo. Era appena arrivato a scuola; poi qualcosa lo ha spinto a tornare indietro verso casa, a bordo del suo scooter. E lì, a pochi metri da viale Montebello dove viveva con la mamma e i fratelli, ha trovato la morte in uno schianto contro un camion guidato da M.F., che si stava recando a lavoro. Se ne è andato così, ad appena 16 anni, Giuliano Napoli che ieri mattina poco prima delle otto è rimasto coinvolto in un terribile incidente tra via Ancora, via Henry Dunant, e via Staffette Partigiane. «Non è possibile», queste le uniche parole che la madre del giovane, Santa Fresta, continuava a ripetere ieri davanti alle tracce di quell’impatto: qualche anno fa la donna era stata colpita da un altro terribile lutto, con la morte di un altro figlio a causa di una brutta malattia.

Sassuolo, scontro scooter camion: perde la vita studente sedicenne



Da chiarire ancora la dinamica dell’incidente. Quello che si sa al momento è che lo scooter stava viaggiando su via Ancora, direzione Modena, mentre il mezzo pesante viaggiava nella direzione opposta. Dai primissimi rilievi si ipotizza che ad aver causato il sinistro possa essere stata una parziale invasione di corsia da parte dello scooter. Starà ora alla polizia locale di Sassuolo chiarire la dinamica.



Quello che resta al momento è la tragica scomparsa di Giuliano, 16 anni appena. Ieri mattina alcuni compagni lo hanno visto arrivare come ogni giorno davanti al piazzale dell’istituto superiore Volta, dove lo studente frequentava la seconda D. Forse però Giuliano aveva dimenticato a casa un libro, oppure un compito: fatto sta che gli amici lo hanno visto risalire in sella al suo scooter. Pochi minuti dopo, l’impatto, a qualche centinaio di metri da viale Montebello, dove abitava con la famiglia. I residenti da subito hanno intuito quanto la situazione fosse grave. Allertati, i soccorsi sono arrivati dopo alcuni minuti; non c’era più nulla da fare però, perché Giuliano è morto sul colpo. Sul posto, oltre ai mezzi del 118, è arrivata anche la Polizia locale che ha chiuso il tratto stradale tra via Radici in monte e via Vittime dell’11 settembre. E mentre gli agenti chiudevano la strada, alcuni residenti, sconvolti, si sono radunati sul posto. Tra questi anche Michele Scala che abita proprio a pochi metri dal luogo dell’impatto e che ha chiamato i soccorsi.



La famiglia del giovane è stata allertata dalle forze dell’ordine. Quando si è iniziata a diffondere la notizia dell’incidente nessuno voleva credere che si trattasse proprio di lui. Poi la chiamata a scuola, per verificare, e la conferma: il 16enne non si trovava lì. La famiglia è arrivata sul posto, e al dolore straziante della madre, è seguito un rispettoso silenzio. Ora la salma del ragazzo è all’istituto di Medicina legale a disposizione del magistrato: sarà eseguito un accertamento autoptico per decretare le cause del decesso.