Contenuto riservato agli abbonati

Marano. Vandali in azione: raid al parco sul fiume Panaro

Ignoti si sono accaniti sulle staccionate di sicurezza Colpite anche le griglie di proprietà dei gestori della “baracchina”

MARANO. Non sono finite le scorribande di alcuni maleducati nella zona del parco fluviale a Marano. Qualche giorno fa erano finite nel mirino le opere in sasso dell’artista maranese Massimo. Di recente, invece, questi vandali si sono accaniti sugli arredi presenti nello spazio verde che si trova proprio a ridosso del fiume Panaro. Sono così andate distrutte alcune staccionate in legno. Spaccate a metà, probabilmente a calci. Un lavoro certosino, se così si può dire, che i vandali hanno concluso probabilmente protetti dal buio della notte. A terra così sono rimasti solo i pezzi di strutture installate per la sicurezza di chi è solito passeggiare o comunque trascorrere del tempo nell’area del parco.

Non contente queste persone, che per il momento restano ancora ignote, se la sono presa pure con le griglie che sono di proprietà della “baracchina” chiusa durante la stagione invernale. Anche in questo caso basta dare un’occhiata alle foto, postate da alcuni utenti del parco, per capire i danni che i vandali hanno causato. Queste griglie, fatte in parte in muratura e a disposizioni degli avventori nei caldi pomeriggi estivi, risultano infatti parzialmente rovinate. Toccherà così ai gestori del bar ripristinarle in vista della bella stagione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA