Contenuto riservato agli abbonati

Castelfranco  Malore fatale per un 49enne sulla corriera degli studenti

Tragedia alle 7 a Piumazzo: lavoratore colto da un infarto dopo essersi seduto I ragazzi danno l’allarme, l’autista chiama il 118 ma tutti i soccorsi sono vani 

Castelfranco. Muore sulla corriera degli studenti, sotto i loro occhi esterrefatti, per un malore fatale. Tragedia ieri mattina sulla corriera Seta della linea 760 che da Modena conduce a Castelfranco e Vignola per le 7.50, in tempo per l’entrata a scuola appunto.

Era partita alle 6.25 dalla stazione di Modena, come tutte le mattine. E come tutte le mattine a Castelfranco è salito anche un 49enne di origine nigeriana, ma residente nel reggiano, che andava a lavorare. Si è portato sui sedili in fondo e ha chiuso gli occhi, come avrà fatto tante altre volte schiacciando un pisolino. Ma stavolta non li ha più riaperti.


Sono stati gli stessi studenti a rendersi conto che qualcosa non andava in quello stare a occhi chiusi in maniera troppo rigida, notando che nell’addome non c’erano segni di respiro. Hanno provato a scuoterlo ma invano, e allora si è fatto largo in loro un gelido presentimento. Hanno dato l’allarme al conducente, che si è subito fermato a Piumazzo in via Muzza Corona, proprio dove l’uomo era solito scendere.

Erano le 7.20. l’autista ha subito chiamato il 118 e i carabinieri, ma tutti i tentativi di rianimazione sono stati vani: il 49enne è morto nel sonno senza accorgersene, senza dare un lamento, con tutta probabilità per un infarto fulminante. I carabinieri hanno accertato la dinamica naturale della morte, dando quindi il nullaosta per il trasporto della salma alla Medicina legale. Disperati i famigliari raggiunti dalla tragica notizia. Ma l’accaduto ha colpito profondamente anche gli studenti. La loro testimonianza peraltro è stata importante per i carabinieri per la ricostruzione dell’accaduto. Ovviamente Seta ha mandato sul posto una corriera sostitutiva, che ha portato i ragazzi a Vignola mentre venivano compiuti i rilievi sull’altra, poi rientrata verso le 9.30.