Antonio Bevilacqua non potrà avere l'affido dei figli di Samantha Migliore. "Lascio Maranello e vado in Germania a lavorare"

Il vedovo della donna morta, per un intervento al seno, ha rilasciato alcune dichiarazioni alla trasmissione di Rai Uno Storie Italiane annunciando la sua partenza. E su Pamela ha detto: "Fu lei a scappare quando Samantha iniziò a star male"

MARANELLO Antonio Bevilacqua, il marito di Samantha Migliore, morta a 35 anni per un intervento al seno, lascia Maranello e  l'Italia e va in Germania per lavorare e continuare la sua vita. Lo ha annunciato la mattina del 3 maggio nel corso di una trasmissione televisiva di Rai Uno "Storie Italiane" in cui ha anche voluto fare alcune precisazioni, sulla sua vicenda, e su alcune dichiarazioni che lo riguardavano, uscite sulle varie trasmissioni che si sono occupate del caso di Samantha.

Bevilacqua che avrebbe voluto - secondo quanto dichiarato - avere l'affido dei bambini ha deciso di partire perchè, come ha dichiarato su Rai Uno: "I servizi sociali mi hanno fatto capire che non avrei potuto avere l'affido dei bambini. - ha detto davanti al microfono di Storie italiane - Gli otto mesi di convivenza che abbiamo avuto sono considerati un periodo di tempo troppo breve per poter ottenere l'affido. Quindi ho deciso di partire da Maranello e di andare in Germania per lavorare. Non lascio Samantha, Samantha sarà sempre al mio fianco e io al suo. Nessuno ci dividerà. E' una decisione sofferta, provo tanto dolore, ma devo continuare la mia vita come se Samantha fosse vicino a me. Ai ragazzi dico "vi amo", sono la mia famiglia, la amo. Ci sarò sempre per voi e lavorarerò per i ragazzi per voi ci sarà sempre in qualsiasi secondo.  Sono la mia famiglia, la mia unica famiglia"

Bevilacqua ha anche voluto ribadire fermamente che lui non avrebbe mai avuto intenzione di sottoporsi a un intervento estetico agli zigomi con Pamela Andress e soprattutto ha ribadito che quando Samantha, durante l'intervento, ha iniziato a stare male è stata la trans a voler fuggire.

Nella stessa trasmissione l'avvocato Pizzi, legale di Bevilacqua, ha ribadito l'intenzione di voler andare fino in fondo per scoprire cosa è accaduto quel giorno in quella casa. "La responsabilità di Pamela è pacifica. Sappiamo che la versione di Bevilacqua e dei figli è diversa dalla versione di Pamela - ha detto Pizzi - Poi chiediamo approfondimenti sui tabulati telefonici. Sul telefonino di Samantha perchè ricordiamo che Pamela quando si è allontanata dlal'abitazione si è disfatta del suo telefonino, lo ha addirittura distrutto. Vogliamo capire come Samantha e Pamela sono entrate in contatto se ci sono anche altre persone coinvolte"