Contenuto riservato agli abbonati

Formigine. Parcheggio selvaggio Ginkana per i soccorsi

Auto su entrambi i lati nel giorno di mercato in via Mazzini I residenti: «Ambulanze e pompieri di qui non passano»

FORMIGINE. Il traffico è paralizzato su via Sant’Antonio a Formigine il sabato mattina, giorno di mercato: e chi abita in zona lancia l’allarme, non per il disagio, cosa normale e inevitabile in giornate che ospitano i banchi e dunque portano a un grande afflusso di persone in città, ma per una questione di sicurezza. «Cosa accadrebbe se succedesse qualcosa in via Sant’Antonio o, ad esempio, nella vicina don Minzoni? Come farebbero a passare i mezzi di soccorso?», è quanto chiedono i residenti. Sì, perché la situazione è effettivamente abbastanza evidente. Basta fare una passeggiata nei pressi di piazza Ravera, che ospita gli ambulanti il sabato mattina. Ci si troverà di fronte a parcheggi selvaggi, con automobili ambo i lati, che vanno a occupare la carreggiata restringendola: in caso di emergenza, un’ambulanza farebbe non poco fatica a passare. Insomma, il rischio per i soccorsi sarebbe di non riuscire ad arrivare a destinazione in tempi celeri, con conseguenze – nei casi più gravi – facilmente immaginabili. Le macchine sono ovunque, in sosta sulle strisce pedonali, vicino ai cassonetti, sia a destra che a sinistra in barba ai divieti. E poi, ci sono quelle in transito, che procedono ovviamente a passo di lumaca sia per gli inevitabili ingorghi, sia perché chi è al volante deve prestare particolare attenzione data la presenza di pedoni che si dirigono verso il mercato: da dietro le auto, magari sugli attraversamenti pedonali, sbucano fuori all’improvviso persone con le borsine, che col caos rischiano di non essere viste. «Succede tutti i sabati – riferisce un residente – nella zona di via Sant’Antonio si creano delle file incredibili di macchine. Se dovesse accadere qualcosa sarebbe un macello». La strada già di per sé è stretta, fare manovra in mezzo al caos estremamente difficoltoso anche solo per una piccola utilitaria. Impossibile in questa situazione per un’ambulanza arrivare a sirene spiegate, non ci sarebbe neppure spazio per le automobili di farsi da parte visto che entrambi i lati della strada sono occupati dalle vetture ferme. «Non oso immaginare se scoppiasse un incendio – è l’allarme lanciato da un residente – come potrebbero passare e arrivare in tempi celeri i mezzi dei vigili del fuoco?». La richiesta, lanciata dai residenti al nostro giornale, è che si studi una possibile soluzione per evitare questi ingorghi che, finché va tutto bene non costituiscono un problema, ma in caso di emergenza potrebbero rappresentare un grave pericolo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA