Contenuto riservato agli abbonati

All’ippodromo c’è “Modena nel cuore” Musica per aiutare i bambini malati

Una domenica di trotto e beneficenza La manifestazione per la onlus a favore dei piccoli pazienti accompagnerà le corse L’esibizione degli Ologramma e di tanti musicisti di spessore

MODENA. Domenica all’ippodromo Ghirlandina, nell’ambito del tradizionale “Gran premio Giovanardi e Cacciari”, prenderà vita la terza edizione di “Modena nel cuore”, la manifestazione benefica nata da un’idea di Alessandro Arletti, presidente della Società modenese, che si prefigge di aiutare i bambini di Aseop, nota onlus nata nel 1988 per offrire supporto alle famiglie di pazienti oncologici pediatrici. «Quest’anno – specifica il presidente Arletti – Modena nel cuore accompagnerà il pomeriggio sportivo con una serie di iniziative benefiche ed eventi culturali di grande spessore, con ospiti di qualità e una proposta talmente varia da rappresentare un evento nell’evento».

Nella ricca gamma di personaggi e personalità di spicco che parteciperanno all’evento, oltre al sindaco Gian Carlo Muzzarelli, si esibiranno gli “Ologramma”, il gruppo vocale e strumentale modenese nato nel 2010 e composto da una quarantina di elementi, tra i quali ragazzi con disabilità, musicisti e musicoterapeuti, che nel corso degli anni si è esibito in molte manifestazioni sotto la direzione di Roberta Frison. «Sarà per noi un onore partecipare di nuovo a questa iniziativa – afferma Gianni Ricci, portavoce di Ologramma – ma saranno anche le prove generali per il 28 maggio quando saremo ad Imola per aprire il primo concerto del tour di Vasco. Un’occasione unica per i nostri ragazzi che sono già emozionati da mesi e si stanno preparando all'evento con grandissimo impegno». Tra i tanti artisti si esibirà Mario Lavezzi e Marco Ferradini, Alberto Conti, giovane talento, e il compositore Giorgio Bertacchini. A condurre il pomeriggio sarà la squadra vincente delle prime due edizioni formata da Massimo Damura e Riccardo Benini, con la collaborazione dei giornalisti Carla Mazzola e Daniele Soragni. «Il desiderio di Modena nel cuore – sottolinea Soragni – è nato dalla volontà di assemblare discipline diverse e di coinvolgere non solo gli esperti del trotto ma tutta la cittadinanza modenese». Fra le iniziative ci saranno anche la degustazione di vini, il battesimo della sella con i più piccoli e la presenza di cantine e aziende agricole del territorio oltre al pranzo benefico per Aseop (prenotazione obbligatoria: info sul sito dell’ippodromo).