Contenuto riservato agli abbonati

Formigine. Il Comune “misura” il mercato «I pompieri devono passare»

L’assessore Bizzini: «Sabato un sopralluogo per verificare spazi e parcheggi Se necessario è possibile che venga imposto il divieto di sosta sul lato sinistro»



FORMIGINE. Sabato mattina il Comune e la polizia locale di Formigine faranno un sopralluogo al mercato settimanale di piazza Ravera per verificare la situazione legata alla viabilità segnalata da alcuni residenti allarmati nei giorni scorsi. Il sabato infatti, su via Sant’Antonio in particolare, le auto vengono parcheggiate ambo i lati e lungo la strada il traffico procede a passo di lumaca anche a causa dello spazio ridotto; diversi residenti hanno mostrato preoccupazione per la cosa, temendo che in caso di emergenza ambulanze o mezzi dei vigili del fuoco farebbero fatica ad arrivare a destinazione in tempi celeri. «I mezzi di soccorso devono potere passare – è categorico l’assessore al commercio e alle attività produttive Corrado Bizzini – cosa ha portato a questo disordine, lo andremo a vedere. Ci siamo già attivati con gli ambulanti, chiedendo la loro collaborazione, ricordando loro che nel regolamento l’articolo 9 dice che il furgone si deve portare in zone limitrofe al mercato, ma senza occupare potenziali posti per i clienti, quindi questo dovrebbe essere risolto». La questione però è legata anche – e forse soprattutto – alle vetture dei frequentatori del mercato. «Dobbiamo cercare di rimettere dell’ordine – continua l’assessore – e questo lo faremo sicuramente immediatamente. Normalmente i vigili sono presenti al mercato, è chiaro che però non possono stare lì per l’intera mattinata. Sabato mattina faremo un salto con il comandante, per verificare la situazione. Cercheremo di capire se i mezzi dei pompieri possono passare, poi eventualmente si studierà la possibilità di mettere il divieto di sosta sulla sinistra». Nei giorni scorsi alcuni residenti della zona di piazza Ravera, hanno lanciato dalle pagine della Gazzetta una proposta: quella di trovare una diversa collocazione per il mercato, magari in centro dove erano ospitati un tempo i banchi. La proposta ha portato Anva Confesercenti ad intervenire: «Mantenere la stessa collocazione è per gli operatori, e per la clientela, un segno di riconoscibilità. Quindi, un ulteriore spostamento causerebbe proprio agli operatori una forte riduzione degli incassi. Questo in un periodo dove le imprese dell’ambulantato non sono ancora riuscite a recuperare i danni causati dalle restrizioni causate dalla pandemia. Va inoltre ricordato che gli operatori hanno dovuto sospendere, proprio a causa del Covid, le loro attività per molto tempo e l’eventuale spostamento del mercato sarebbe un danno più che una soluzione ad un problema». Continua l’associazione: «Se ci sono problemi specifici legati ai parcheggi e alla sosta in doppia fila, crediamo debbano essere affrontati in altro modo, non certo spostando il mercato, sarebbe come curare un raffreddore con un intervento al cuore. Auspichiamo che l’amministrazione comunale possa trovare una soluzione per risolvere i problemi legati alla viabilità che non vada ad impattare sul lavoro degli operatori». L’assessore Corrado Bizzini spiega e rassicura: «Il centro è cambiato, così come il mercato. Gli ambulanti sono aumentati rispetto a un tempo, riportarli in centro sarebbe un caos, per tanti motivi: dalla zona pedonale, ai sensi unici, alla viabilità che non lo consente più. In piazza Ravera c’è più spazio: non credo quindi che sia possibile né opportuno riportare il mercato in centro, questa possibilità è esclusa».