Contenuto riservato agli abbonati

Nasce la Nazionale “curvy” di calcio In squadra anche una maranellese

Maranello Raffaela Pennino nel gruppo che combatte gli stereotipi

Maranello C’è anche una maranellese nella Nazionale italiana curvy calcio, nuovo progetto sportivo che vede dieci giocatrici pronte a scendere in campo per dare un calcio agli stereotipi. Si chiama Raffaela Pennino e insieme alle sue compagne di squadra è pronta per questa nuova avventura.



«Mi sono innamorata del progetto sin da subito, - spiega Raffaela - non ho mai giocato a calcio in tutta la mia vita. Questa non solo è una sfida personale, ma una sfida contro chi crede ed è convinto che noi curvy sappiamo solo fare sport da tavola! Il nostro motto è: “Curvy sì, ma in salute!". Dimostreremo di essere sportive anche noi».



Il gruppo della Nazionale italiana curvy calcio è composta da dieci donne che scendendo in campo, vogliono anche impegnarsi in prima persona per supportare e sostenere iniziative benefiche e di solidarietà che possano aiutare anche chi vive situazioni di disagio ma non per questo deve sentirsi messo in un angolo.

Le atlete arrivano da tutta Italia: da Milano, Rovigo, Napoli. E ci sarà dunque anche una maranellese a calciare il pallone con un nobile obiettivo.

A fondare questa speciale squadra sono stati Francesca Angelo e Moreno Buccianti: «Sappiamo benissimo che dare un’etichetta è un principio sbagliato, spesso discriminante, ma mettendo in campo la Nazionale italiana curvy calcio vogliamo raggiungere obiettivi che sono diametralmente opposti a questo concetto – spiegano i promotori dell’iniziativa – Frequentemente si associa una fisicità “generosa” ad abitudini di vita sbagliata, come ad esempio può essere l’immagine “junk food” che viene legata ad un corpo in carne».

Continuano: «Sfatare il mito errato legato alle donne formose da una parte ci permetterà di dimostrare che anche noi “curvy” amiamo il mondo dello sport, delle sane abitudini e ci prendiamo cura di noi stesse cercando di migliorare sempre di più».l

© RIPRODUZIONE RISERVATA