Contenuto riservato agli abbonati

Maranello. Spiati in intimità, foto vendute

Accedevano alle telecamere di case, camerini e spogliatoi e diffondevano i video sul web Undici indagati e una perquisizione della polizia Postale a Maranello: «Siamo sorpresi»

C’era “una certa morbosità” nello spiare la vita delle persone. Una sorta di “Grande Fratello”, attorno al quale avevano creato un vero business, nascosto dietro a due organizzazioni criminali distinte che avevano come obiettivo quello di violare le telecamere di videosorveglianza delle abitazioni di cittadini inconsapevoli, ma anche quelle dei camerini dei grandi magazzini o degli spogliatoi di piscine e palestre. Sono 11 le persone indagate della Procura di Milano per associazione a delinquere e accesso abusivo al sistema informatico, tutte italiane, tranne un ucraino irraggiungibile, con perquisizioni in dieci città da Ragusa ad Alessandria, passando per Roma, Trieste, Milano e anche Maranello.

Il più anziano ha 56 anni, il più giovane 20. Anche se tutti avevano competenze informatiche, nella vita svolgevano i lavori più disparati, dal tecnico informatico al disoccupato con reddito di cittadinanza, dal grafico al barista. E ognuno aveva dei ruoli, tra chi si occupava di trovare gli impianti di sorveglianza, chi li selezionava in base all’interesse e chi era incaricato di acquistare o vendere i codici di accesso degli impianti ad altri gruppi.


Spiavano “nel buco della serratura”, hackerando la rete delle telecamere di sorveglianza installate nelle case o nelle aree comuni di palestre e piscine, per poi monetizzare attraverso transazioni con PayPal o in criptovalute. Migliaia di immagini, con interesse specifico in alcuni casi per quelle dei minori, rivendute alla cifra irrisoria di 20 euro su Telegram e sul “facebook russo”, il social network VKontakte.

I clienti venivano divisi tra un gruppo “premium”, con circa 2mila iscritti, dove si potevano guardare le immagini condivise dagli amministratori, e un gruppo “vip”, ancora più esclusivo, nel quale si poteva visionare “in diretta” una casa, una piscina o un camerino.

Nelle chat proponevano video anche di spiagge frequentate da nudisti, hotel, bagni e nightclub.

La procura di Milano che ha coordinato l’operazione “Rear Window” della polizia postale sta valutando per gli indagati anche possibili profili di reato legati alla pedopornografia, per ora non contestati. Sono stati sequestrati dieci smartphone, tre workstation, cinque pc portatili, dodici hard disk e svariati spazi cloud per oltre 50 terabyte.

Gli indagati si sentivano molto sicuri del business tanto che nelle chat rincuoravano i clienti, assicurando che la polizia non sarebbe risalita a loro e, se lo avesse fattro, avrebbe inserito la denuncia “in un cassetto”. Così non è stato, con gli indagati, hanno raccontato gli inquirenti, che al momento della perquisizione erano tutti «molto sorpresi». l

© RIPRODUZIONE RISERVATA