Contenuto riservato agli abbonati

Modena Una rapina e tre negozi saccheggiati di notte Scoperto grazie alle tracce di sangue

Il 30enne aveva aggredito una ragazza al parco Pertini per rubarle la borsetta

Una rapina ai danni di una donna e tre negozi derubati distruggendo le vetrine: sono i 4 reati che la Procura di Modena contesta a un 30enne tunisino che dovrà rispondere dei fatti in tribunale.

Si sono concluse le indagini della Squadra mobile che hanno identificato l’autore di una serie di furti avvenuti in città tra il febbraio del 2020 e il gennaio del 2021. Secondo la polizia il 30enne l’11 febbraio del 2020, di notte, ha scagliato un masso contro la vetrina di un negozio di via Rua Pioppa, rubando 700 euro dal registratore di cassa. Il 22 novembre del 2020, invece, al parco Pertini ha rapinato una donna: si è avvicinato, l’ha aggredita dalle spalle e le ha strappato con violenza la borsetta, in cui la ragazza custodiva gli effetti personali e i documenti. Il 9 gennaio del 2021 ha preso di mira una farmacia: con un blocco di cemento ha distrutto la vetrina, ma una volta dentro non è riuscito ad aprire il registratore di cassa e se ne è andato a mani vuote. Infine nella notte tra il 9 e 10 gennaio del 2021 con la solita tecnica del masso è entrato in un negozio di via Selmi, rubando 300 euro dalla cassa e alcuni buoni pasto dal valore di 50 euro ciascuno.


Nel corso dei furti ha lasciato tracce di sangue e impronte che sono stati utili per il confronto con la banca dati del Dna tramite il servizio di polizia scientifica di Roma. E per la Procura non è stato difficile individuarlo: si trovava già nel carcere di Sant’Anna per altri reati. Durante l’interrogatorio di garanzia ha confessato i quattro furti che gli vengono contestati.l