Paltrinieri domina i 1500 sl «Adesso mi riposo un po’»

Il fuoriclasse carpigiano si conferma agli Assoluti Invernali. Torna in vasca Meschiari, si fanno le ossa Quaglieri e Sogne

RICCIIONE. È stato un pareggio il risultato finale della sfida messa in atto in questi campionati tra i compagni di stanza Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti. SuperGreg si è aggiudicato anche i 1500 stile libero disputati nel pomeriggio (14’ 57.08) conducendo in porto una gara ben gestita in ogni frangente ma senza particolari acuti; il compagno livornese ha invece conquistato il titolo dei 200 stile libero. Tempi senza picchi assoluti in entrambi i casi, forse proprio i 200 sono sembrati una sfida “stanca”, quasi a dimostrazione di come attualmente non ci siano rivali di livello. Le eccezioni che arrivano da Riccione, dove sono andati in scena i campionati Invernali, sono tendenzialmente due e rispettano la par-condicio di genere. In campo femminile la curiosità principale è legata alla veneta Panziera che domina nel dorso. Sul fronte maschile, invece, è la velocità espressa nei 50 stile libero da Marco Orsi a stupire. Dopo l’argento mondiale, il bolognese ha sfoderato una strepitosa prestazione che ha scritto il nuovo record italiano assoluto in 21”64, sesta prestazione mondiale e terza europea dell’anno. Per il resto dalla piscina romagnola non arriva nulla di rilevante.

Silvia Meschiari al rientro nel nuoto dopo le maglie azzurre di salvamento si classifica 14ª nei 400 misti e 13ª nei 200 farfalla a testimonianza di una abitudine ancora tutta da costruire.

Anche alcuni modenesi ai blocchi di partenza che hanno comunque fatto esperienza: Tania Quaglieri, junior di Modena Nuoto, ha centrato il 13° posto nei 100 dorso con 1’04.91 e con 1’03.01 il 25° posto nei 100 farfalla. Matteo Sogne (SS9) nei 1500 di Paltrinieri ha concluso in 16’07.16; mentre la finalese Giulia Terzi nei 200 farfalla e Lorenzo Mora nelle prove dorso risultavano non partenti. Lorenzo Benatti a fine mattinata con un esplicito “The end” su Instagram esclamava che era il momento di ripartire da zero. Capiremo meglio solo nei prossimi giorni a cosa alludeva.

Ma tornando al grande protagonista, Gregorio Paltrinieri, ecco la sua ultima analisi. «Per adesso va bene - dice il fuoriclasse carpigiano - ricordo di aver nuotato 14’57" anche agli invernali dello scorso anno. Adesso mi riposo un po’, poi ricominciamo a lavorare».

«Direi molto bene rispetto all’anno passato - aggiunge Detti - quando qui a Riccione avevo nuotato 15’11". Sono partito già stanco per i 200 stile libero della mattinata. Sono contento». ©RIPRODUZIONE RISERVATA