Heyrman, Rousseaux e Arcangeli danno lezione

Le tre pallavoliste protagoniste alla scuola Volta di Bomporto per il progetto LoJ Volley School

Si sta avvicinando alla sua parte conclusiva il progetto LoJ Volley School che anche quest'anno, così come successo lo scorso, ha raccolto numeri davvero importanti: 12 scuole con oltre 50 classi di Modena e Provincia, per un totale di circa 1200 ragazzi, sono stati coinvolti nelle oltre 100 giornate di interventi previste dall'inizio del mese di ottobre fino ad aprile da parte di istruttori qualificati del settore giovanile bianconero. L'obiettivo è, ovviamente, quello di avvicinare sempre più giovani e giovanissimi al mondo della pallavolo, ma in generale ad uno stile di vita sano e sportivo.

E per concludere al meglio questo percorso la società ha organizzato due incontri finali con le ragazze della LiuoJo Modena. Quest'oggi si è tenuto il primo, con Chiara Arcangeli, Laura Heyrman ed Helene Rousseaux che sono state protagoniste di una mattinata presso la Scuola "A. Volta" di Bomporto, dove si sono prestate a rispondere alle domande dei tanti bambini coinvolti prima di mischiarsi a loro per qualche palleggio, foto e autografi di rito.

A fare i saluti introduttivi di rito il Preside dell'Istituto, Luigi Vaccari: "E' un onore ed un piacere ospitare le giocatrici della LiuoJo Modena, la loro presenza qui testimonia l'impegno della squadra per far conoscere lo sport nella scuola. Per i giovani scuola e sport sono un connubio comune, facendo attività fisica si impara ad apprendere meglio in un contesto di esercizio fisico, ma lo sport aiuta anche lo sviluppo di valori quali l'amicizia, il rispetto e la capacità di fare gruppo. Inoltre è un linguaggio universale che unisce tutti i giovani, senza distinzione alcuna. Questo progetto LoJ Volley School ci sta accompagnando in questi anni offrendo la possibilità ai nostri ragazzi di vivere questi incontri e di essere presenti al PalaPanini. Per questo ringraziamo la società".

E' poi la volta dell'Assessore allo Sport del Comune di Bomporto, Mario Lugli: "Ringrazio per l'invito a questa giornata di sport e scuola, ringrazio anche la LiuoJo Modena per la sua importantissima presenza e la disponibilità di queste campionesse che si distinguono in ambito sportivo che sono qui presenti oggi per questi ragazzi. In questi anni il nostro territorio ha vissuto alcune vicissitudini, ultima di tutte l'alluvione dello scorso anno, ma le professoresse hanno continuato a lavorare anche in condizioni di estrema difficoltà e per questo le ringrazio. Aggiungo, inoltre, che queste esperienze sono importanti e andrebbero ripetute anche per quanto concerne tutti gli altri campi".

Ottimo il bilancio tratto da Simona Piccinini, Responsabile Marketing e Comunicazione della LoJ Volley, che ne racconta così la filosofia: "Siamo felici di apprendere che anche quest'anno l'interesse da parte delle scuole verso questa nostra attività è stato considerevole, segno che il lavoro che stiamo svolgendo sul territorio è apprezzato sempre più. Con questo progetto lavoriamo sul sociale, divulgando i valori etici e solidali dello sport ed in particolare quelli della pallavolo. Al tempo stesso portiamo i ragazzi a PalaPanini a tifare per le nostre ragazze coinvolgendoli, inoltre, nella creazione di striscioni e cartelloni che colorano le tribune del palazzo e che vengono premiati al termine di ogni gara. Domenica prossima proprio questi ragazzi dell'istituto 'A. Volta' saranno presenti per la partita con Conegliano".

Il secondo ed ultimo incontro, poi, è previsto fra due settimane, il 19 marzo, quando un'altra rappresentanza della formazione bianconera andrà a far visita alla Scuola "Bellini" di Sassuolo.