Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Urnaut: «Daremo il 110% per andare a gara 5»

«Non penseremo mai che quella che giocheremo domenica può essere l’ultima partita dell’anno, vogliamo solo vincere» 

MODENA Croce e delizia, croce in gara 1, dove non ha mostrato il meglio di sé, delizia per gli occhi dei tifosi gialloblù, invece, sia al PalaPanini, in gara 2, che a Civitanova, domenica scorsa, in gara 3, quando è stato uno dei trascinatori dell’Azimut nella sfortunatissima sfida con la Lube persa 21-19 al tie break dopo quasi tre ore di interminabile battaglia: Tine Urnaut, 8 su 8 e 100% nel secondo set vinto 35-33, 23 punti complessivamente con 1 muro e 2 ace, è pronto a rituffarsi nella ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA Croce e delizia, croce in gara 1, dove non ha mostrato il meglio di sé, delizia per gli occhi dei tifosi gialloblù, invece, sia al PalaPanini, in gara 2, che a Civitanova, domenica scorsa, in gara 3, quando è stato uno dei trascinatori dell’Azimut nella sfortunatissima sfida con la Lube persa 21-19 al tie break dopo quasi tre ore di interminabile battaglia: Tine Urnaut, 8 su 8 e 100% nel secondo set vinto 35-33, 23 punti complessivamente con 1 muro e 2 ace, è pronto a rituffarsi nella mischia e non ha nessuna intenzione di arrendersi.

Cosa ha lasciato nella mente il secondo ko a Civitanova.

«Non è stato facile assorbirlo, questo è vero, ma non c’è alternativa, non ci rimane altro che dimenticare quello che è successo e tenere invece le cose positive, che non sono poche, su cui lavorare».

Dopo il rocambolesco finale di gara 3 avete pensato che quella poteva essere l’ultima partita dell’anno in trasferta?

«No, neanche per un attimo. Nessuno di noi è stato sfiorato dal pensiero che potesse essere stata l’ultima partita fuori casa della stagione. L’unica cosa che credo ognuno di noi abbia davvero pensato è che adesso dobbiamo vincere una partita in più per riuscire a superare il turno. Per questo ci mettiamo a lavorare ancora più duro per vincere la prossima e tornare per la terza volta a Civitanova».

Quanto inciderà il PalaPanini sul risultato di gara 4.

«All’inizio pensavo non fosse così, ma adesso posso dirlo: il pubblico aiuta tantissimo, basta pensare all’ultima partita in casa che è stata qualcosa di spettacolare. Noi sappiamo che ci sarà il sold out e che ci attende un’altra giornata spettacolare in cui noi daremo il 110% per guadagnarci gara 5».

Avete qualche rimpianto per come è sfuggita la vittoria in gara 3?

«No, nessuno. Dal punto di vista tecnico e mentale siamo partiti nel quinto set al massimo, anche quando eravamo dietro 12-8 siamo riusciti a recuperare ed è stata una bella impresa riprenderli».

Poi sul 19-19...

«Quella palla? Le cose sono andate così, abbiamo visto il video e non possiamo cambiarle, vogliamo solo vincere e tornare a Civbitanova. Nella partita di domenica cercheremo di trasformare in positivo qualunque cosa sia possibile».

Che cosa può essere ancora migliorato?

«Possiamo fare ancora tante cose meglio, sappiamo di poter giocare ad alto livello come buona parte della partita di Civitanova. Sono fiducioso che possiamo prenderci questa vittoria»,

La Lube giocherà stasera in Champions League a Trento?

«Non lo quanto può influire ma non credo che possa fare la differenza».