Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Chezzi, è lui la nuova scommessa di Bonacini

Il nome dell’ex Castelfranco e Savona in pole: tra domani e martedì l’annuncio del nuovo tecnico

L’annuncio del nuovo allenatore biancorosso potrebbe arrivare in tempi brevissimi: la riunione decisiva dei vertici societari dovrebbe infatti tenersi tra domani e martedì. Le ultime indiscrezioni danno per favoritissimo Marcello Chezzi, ex tecnico della Virtus Castelfranco Emilia, in questa stagione al Savona, in Serie D. Il suo nome avrebbe superato la candidatura dei vari Bollini, Zironelli, Pavanel, Protti, Cocciari e Coppitelli, facendo richiudere nel cassetto pure la suggestione Castor ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

L’annuncio del nuovo allenatore biancorosso potrebbe arrivare in tempi brevissimi: la riunione decisiva dei vertici societari dovrebbe infatti tenersi tra domani e martedì. Le ultime indiscrezioni danno per favoritissimo Marcello Chezzi, ex tecnico della Virtus Castelfranco Emilia, in questa stagione al Savona, in Serie D. Il suo nome avrebbe superato la candidatura dei vari Bollini, Zironelli, Pavanel, Protti, Cocciari e Coppitelli, facendo richiudere nel cassetto pure la suggestione Castori. I fili che legano il nome di Chezzi al Carpi sono numerosi. Il primo riguarda proprio la Virtus, dove Marcello iniziò la sua avventura da allenatore sotto l’ala del padre-presidente Paolo, ex giocatore biancorosso. A Castelfranco è rimasto ben 13 anni, conditi da tante soddisfazioni ed una vetta indimenticabile, rappresentata dalla vittoria conquistata nei play-off di Serie D contro la Viterbese nella stagione 2012-13. Avrebbe potuto significare ripescaggio in Serie C, ma questioni economiche vanificarono tutto. Il punto più amaro fu la retrocessione in Eccellenza di due stagioni orsono. La vicina Virtus è stata spesso al centro di incroci di mercato con il Carpi, fin dai tempi di Cristiano Giuntoli. Il più celebre fu quello di Antonio Di Gaudio, poi salito in Serie A in biancorosso, ma altri fecero il percorso inverso, come Alex Rolfini, finito al Castelfranco prima di passare a Carrarese e Fano. Un filo che conduce alla città dei Pio parte pure da Savona, squadra che Chezzi ha portato a sfiorare i play-off dopo esser subentrato in corsa in una situazione complicata. Il direttore generale dei liguri, infatti, è Roberto Canepa, per lungo tempo fidatissimo collaboratore di Giuntoli in biancorosso. Se non bastasse, le preferenze tattiche di Chezzi combaciano perfettamente con la filosofia della società: cultore del 4-4-2, amante del calcio pratico e maniaco della fase difensiva. In epoca Castori faceva spesso capolino al Cabassi per rubare segreti. Ma se l’identikit corrisponde ai desiderata societari, è vero anche che per Chezzi si tratterebbe dell’esordio assoluto nel professionismo. Dopo Calabro, un’altra scommessa.

Fabio Garagnani