Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mancati accordi tra società e lavori in corso sui campi: trasloco forzato per quattro

Sarà una stagione, o una prima parte di stagione , caratterizzata da “traslochi” per alcune importanti società dilettantistiche modenesi: non potranno disporre del loro campo o comunque del campo del...

Sarà una stagione, o una prima parte di stagione , caratterizzata da “traslochi” per alcune importanti società dilettantistiche modenesi: non potranno disporre del loro campo o comunque del campo del proprio paese e saranno dunque costrette a giocare le gare casalinghe altrove.

Il caso più noto è chiaramente quello della Virtus Castelfranco, il cui terreno casalingo sarà sino a data da destinarsi quello di San Giovanni in Persiceto (nel Bolognese, ma chilo metricamente assai vicino) causa il ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Sarà una stagione, o una prima parte di stagione , caratterizzata da “traslochi” per alcune importanti società dilettantistiche modenesi: non potranno disporre del loro campo o comunque del campo del proprio paese e saranno dunque costrette a giocare le gare casalinghe altrove.

Il caso più noto è chiaramente quello della Virtus Castelfranco, il cui terreno casalingo sarà sino a data da destinarsi quello di San Giovanni in Persiceto (nel Bolognese, ma chilo metricamente assai vicino) causa il totale rifacimento del “Ferrarini”. Poco lontano, anche La Pieve Nonantola non giocherà a Nonantola. Nel paese dell’Abbazia vi sono infatti ben due impianti omologati adiacenti, uno in erba e uno in sintetico, ma entrambi di proprietà della Pol. Nonantola con cui la Pieve non ha trovato l’accordo per l’affitto: la società impegnata in Promozione avrebbe voluto utilizzare lo stesso impianto tutto l’anno, nella convinzione che l’alternanza di superfici non sia stata estranea ai numerosi infortuni che hanno penalizzato la squadra la scorsa stagione, mentre la Polisportiva propendeva per un’alternanza dei due impianti a seconda delle stagioni. La Pieve ha scelto così come campo casalingo quello di Bastiglia, in cui giocò il Real Panaro ai tempi dell’Eccellenza.

Scendendo in Prima, dopo un’ultima fase della scorsa stagione “nomade” ha trovato casa probabilmente definitiva la Flos Frugi, che giocherà i propri match interni al sintetico “Zanti” di San Michele. Problema temporaneo infine, risalendo in Eccellenza, per la Cittadella, il cui campo “Botti” è stato totalmente riseminato e ciò la porterà a giocare il turno casalingo della prima fase di Coppa Italia (contro Solierese o Rosselli Formigine) a Campogalliano e la prima interna di campionato (il 9 settembre con la Folgore Rubiera) sul nuovo sintetico di San Prospero. —

GIACOMO MOLTENI

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI