Bonato, ex per due: «Udinese ok in casa, ma il Sassuolo c’è»

«Sarà una sfida aperta e mi piace il modo in cui la società neroverde ha rifondato. Berardi pronto per il grande salto»

SASSUOLO.  Da poco meno di due mesi è tornato in pista, in serie B con la Cremonese ed è impegnatissimo per mettere al sicuro la salvezza dei grigiorossi. Ma domenica c’è Udinese-Sassuolo e, da doppio ex, Nereo Bonato accetta volentieri di rispondere alle domande della Gazzetta.

Che partita si aspetta e chi è favorito?


«L’Udinese gioca in casa e ha più bisogno di punti rispetto al Sassuolo, che è virtualmente salvo. Alla Dacia Arena i bianconeri sono molto pericolosi, ma il Sassuolo è una squadra in salute e credo oggi stia meglio dell’Udinese. Si tratta di due squadre che hanno un organico superiore rispetto alle altre squadre che sono in lotta per la salvezza. Sarà una partita aperta».

Cosa pensa del Sassuolo di questa stagione?

«La società ha scelto di rifondare in modo profondo la squadra, puntando sui giovani, questa volta non solo italiani, e con un progetto di calcio propositivo. L’inizio è stato spumeggiante, poi ha proseguito in modo normale. Per il futuro ci sono i presupposti per fare bene. L’allenatore ha idee innovative, credo che questa stagione sia stata molto importante anche per De Zerbi che è al primo campionato completo in serie A».

Questo è, di fatto, il primo ‘vero’ Sassuolo che non ha alla base il suo lavoro.

«Come ha programmato la società neroverde? Molto bene, continuando il lavoro sui giovani e con una filosofia di calcio ben definita. Non solo italiani, certo, ma ai nostri tempi eravamo neofiti, mentre adesso tante squadre cercano i giovani italiani».

Chi sente ancora a Sassuolo?

«Tante persone, perchè per me Sassuolo ha significato tantissimo. Il feeling con la proprietà e con tante altre persone è rimasto intatto».

Lei ha vissuto i primi passi di Berardi: cosa pensa del suo futuro?

«Domenico ha qualità tecniche e umane importanti, ma deve pensare a guardare avanti. Non so se farà il salto di qualità definitivo nel Sassuolo o in un altro club, ma sono certo che crescerà. Spero che lo faccia nel Sassuolo, sono certo che la società il prossimo anno farà molto bene».

Per chiudere, quale è la prossima sfida di Bonato?

«Qui a Cremona vogliamo fare bene e puntare alla A». —