Il Modena comincia a muoversi: Roberto Cesati luogotenente di Sghedoni

Ex calciatore, cognato del patron della Kerakoll e nel club gialloblù dovrebbe assumere la carica di direttore generale Da domani via al nuovo corso

MODENA Un ruolo di primo piano nel nuovo corso del Modena spetterà a Roberto Cesati. Sarà il cognato di Romano Sghedoni, fratello della moglie Luciana, il braccio destro di mister Kerakoll nonché l’uomo di fiducia chiamato a ricoprire una carica ufficiale nel club gialloblù, amministratore delegato o direttore generale, seguendo i passi già mossi in questi giorni che lo hanno visto occuparsi insieme a Sghedoni dei primi colloqui per organizzare l’area tecnica, in attesa del rientro dagli Stati Uniti di Paolo Galassini e della riunione con lui e l’altro socio Gianlauro Morselli. Roberto Cesati conosce benissimo il Modena, avendo seguito ogni partita sia al Braglia sia in trasferta accanto a Sghedoni non solo nella passata stagione ma anche quando Kerakoll fu sponsor dei canarini in serie B: è lui il punto di riferimento del cognato in ambito calcistico e non potrebbe essere altrimenti, essendo Cesati un ex calciatore professionista con una carriera di tutto rispetto alle spalle. Oggi 62enne, è nato calcisticamente nella San Francesco e cresciuto nel settore giovanile dell’Inter, con cui ha debuttato in prima squadra nella stagione 1974/75 segnando un gol decisivo contro il Varese; alle 12 presenze in serie A con i nerazzurri ha aggiunto tanti altri gettoni in Coppa Italia, serie B, C1 e C2 con Varese, Pescara, Piacenza, Taranto, Pistoiese, Parma, Barletta, Giulianova, Centese per poi chiudere la carriera nei dilettanti con Castellarano, Castelfranco, Pavullese e Fiorano. Da allenatore, è stato mister del Sassuolo in Interregionale nella stagione 1996-97. Il Modena targato Sghedoni ha dunque posato la prima pietra: nella riunione tra soci in programma domani si inizierà a parlare delle altre, a partire dall’individuazione dei profili giusti per ricoprire gli incarichi di direttore sportivo e allenatore: come d.s. in pole c’è Leandro Rinaudo, reduce dalle esperienze di Venezia e Cremona nello stesso ruolo, mentre per quanto riguarda il mister è stato già convocato per un incontro Mauro Zironelli, che ha appena chiuso la sua esperienza alla Juventus U23 in serie C. Se si puntasse su profili più esperti, invece, le attenzioni sono su Fabrizio Salvatori, corteggiato però dal Venezia, e Ivo Pulga. —