Carpi, il ritorno di Pasciuti al Cabassi accende la sfida contro la Carrarese

Coppa Italia. Alle 15 gara secca per l’accesso al secondo turno. Riolfo: «Farò turnover, ma a nessuno piace perdere» 

CARPI. La Coppa di serie C, forse non proprio l’obiettivo primario del Carpi, assume un valore quantomeno interessante. Merito dell’avversario di turno. Sì proprio della Carrarese che questo pomeriggio, ore 15, sarà allo stadio Cabassi e che in rosa può contare anche su Lorenzo Pasciuti.

Un ex non qualunque, un giocatore che ha scritto la storia biancorossa e, perché no, anche quella del calcio italiano. L’unico calciatore ad aver segnato, con la stessa maglia, dalla serie D sino alla A. Un record ineguagliabile visto che, tra una riforma e l’altra, è sparita la C2 dove “Pasciu” aveva regolarmente marcato visita. Ed è così che Carpi-Carrarese si trasforma, senza nemmeno troppa sorpresa, in “Carpi-ritorno di Pasciuti”.

RIOLFO E LA COPPA

«Pasciuti? Tanta roba. Non lo conosco di persona, ma so quanto ha fatto per il Carpi»: chi parla è mister Giancarlo Riolfo. Il tecnico continua: «In pochi, nel mondo del calcio, possono dire di essersi tolti soddisfazioni come le sue». Poi c’è una partita da giocare, un turno di Coppa da passare. Chi vince questo pomeriggio, nel caso il regolamento prevede supplementari e rigori, andrà a sfidare la Pro Vercelli (6 novembre al “Piola”).

«La Coppa è un banco di prova importante, non è il nostro obiettivo primario però rispettiamo questa competizione e chi andrà in campo cercherà di ottenere il massimo risultato». Stessa cosa cercherà di fare la Carrarese: «Perdere – continua Riolfo – non piace a nessuno. Affrontiamo una squadra forte, tra le top 5 del girone A. Hanno un allenatore e un reparto attaccanti di altra categoria». Oltre a Pasciuti, i toscani possono contare anche su altri due ex: il portiere Francesco Forte e Francesco Mezzoni cresciuto nel vivaio biancorosso poi passato al Napoli.

IL TURNOVER

«Il turnover saranno pesante, chi ha giocato meno avrà modo di mettersi in mostra. Altri elementi, invece, verranno risparmiati e svolgeranno una settimana tipo in vista della gara di Gubbio. Tra questi anche Jelenic che è uscito affaticato dalla sfida con la Feralpi. Sarzi Puttini? E’ costantemente controllato, confidiamo di recuperalo in fretta». A trovare spazio quei calciatori che sino ad ora sono scesi in campo con meno frequenza. Tra questi anche Van der Heijden, da sempre oggetto misterioso: «E’ un ragazzo che si impegna e che lavora. Ci sarà un po’ di spazio anche per lui compatibilmente con le situazioni della partita». Un occhio è sempre puntato sul campionato: «Vincere fa sempre bene e ti permette di affrontare la settimana in maniera diversa. Il derby col Modena? Non ci penso per il momento».

LE FORMAZIONI

Le probabili formazioni.

Carpi (4-3-3): Rossini; Rossoni, Boccaccini, Varoli, Clemente; Simonetti, Grieco, Fofana; Biasci, Carletti, Mastaj. All. Riolfo.

Carrarese (4-3-3): Forte; Mezzoni, Conson, Murolo, Rizzo; Pasciuti, Agyei, Cardoselli; Manneh, Maccarone, Centonze. All. Baldini.—