Carpi, c’è la Coppa Riolfo: «A Vercelli vogliamo passare»

Oggi alle 15 sfida secca al “Piola” contro la Pro di Gilardino Il tecnico: «Qualche defezione, qualcuno dovrà adattarsi»r

CARPI. Sedicesimi di finale della Coppa Italia di serie C. Appuntamento infrasettimanale per il Carpi che alle 15 di oggi, non certo l’orario migliore trattandosi di un mercoledì lavorativo, è ospite della Pro Vercelli. Allo stadio Piola, contro le “bianche casacche” guidate da mister Gilardino, si gioca in gara secca con tanto di supplementari e rigori.

In caso di approdo agli ottavi, i biancorossi avrebbero la possibilità di affrontare la vincente di Juventus Under 23-Alessandria. La gara tra le due formazioni piemontesi è in menù sempre oggi, ma con fischio di inizio fissato alle 20,30.


RIOLFO PRESENTA

«La Coppa Italia arriva per noi in un momento particolare»: queste le dichiarazioni di Giancarlo Riolfo. Il tecnico continua: «Dobbiamo infatti fare i conti con qualche defezione che siamo costretti a gestire in questo impegno infrasettimanale. Giocherà chi sino ad ora ha trovato meno spazio, qualcuno dovrà anche adattarsi ad un ruolo non suo. Una scelta, quest’ultima, condizionata appunto da alcune assenze». Si entra dunque nel vivo della discussione, motivo del “contendere” l’importanza della Coppa di C per una squadra, come il Carpi, che comunque viaggia in piena zona playoff: «Evidentemente noi abbiamo puntato molto sul campionato e quindi la Coppa non è il nostro obiettivo principale. Allo stesso tempo è però un banco di prova importante: dobbiamo dimostrare il nostro valore e soprattutto di essere capaci di saper gestire più gare in poco tempo».

Rimanendo in tema bisogna sottolineare che vincere la Coppa significa anche approdare nella fase conclusiva dei playoff promozione: «Dipende tutto da come si arriva alle varie partite. Magari si passa senza problema qualche turno e poi si arriva ad un altro appuntamento con tante incognite fisiche. Certo rimane una competizione dispendiosa, soprattutto quando sono previsti i turni di andata e ritorno. Detto questo aggiungo che il Carpi scende sempre in campo per vincere e che il discorso vale pure per la gara con la Pro Vercelli».

ROMAIRONE JR TITOLARE

Anche per quanto riguarda la Pro Vercelli è difficile proporre, con certezza, una formazione anti-Carpi. Di certo ci sono le dichiarazioni di mister Alberto Gilardino («Vogliamo passare il turno») e l’impiego dal primo minuto di un ex particolare come Alessandro Romairone. Il figlio d’arte, classe 1999, in biancorosso ha trovato pochissimo spazio, mentre si sta ritagliando un ruolo importante in Piemonte.

Con la Pro, infatti, il giovane attaccante ha collezionato diverse presenze in questo iniziato campionato. Lo scorso fine settimana, contro la Juventus Under 23, ha vestito la sua prima maglia da titolare. Lo ha fatto dando le giuste risposte a mister Gilardino e cogliendo un clamoroso palo, con tanto di ottima giocata, nel primo tempo della partita.

LE FORMAZIONI

Le probabili formazioni.

Pro Vercelli (4-3-3): Saro; Franchino, Carosso, Benedetti, Volpe; Merio, Grossi, Iezzi; Della Morte, Ciceri, Romairone. All. Gilardino

Carpi (4-3-1-2): Rossini; Clemente, Boccaccini, Varoli, Carta; Fofana, Simonetti, Saric; Maurizi; Carletti, Mastaj. All. Riolfo.

Arbitro: Nicolini. —