Carpi oggi a Rimini, Riolfo: «Non mi fido, una gara trappola»

Biancorossi impegnati sul campo dell’ultima della classe oggi al romeo neri (ore 15). «Il gap dal Vicenza? Il campionato è lungo, crediamoci»

CARPI. Appuntamento contro l’ultima della classe. Il Carpi questo pomeriggio, ore 15, si presenta a Rimini per sfidare una formazione decisamente in difficoltà. I romagnoli, infatti, arrivano da qualcosa come 9 sconfitte nelle ultime dieci giornate.

Un andamento che ha portato in dote la “rivoluzione” sul mercato. Di fatto, i biancorossi di mister Giancarlo Riolfo si troveranno ad affrontare una formazione del tutto nuova. Incognita in più che potrebbe anche incidere sulla gara: «Il Rimini - conferma Riolfo - si è mosso e parecchio nel mese di gennaio. Per questo non è stato semplice capire come si presenteranno sul campo, di certo hanno due attaccanti che stanno facendo bene. Mendicino, per esempio, ha grandi qualità, mentre Letizia si è immediatamente ambientato. Dobbiamo essere bravi a pensare solamente a noi stessi, sappiamo quello che dobbiamo fare e dobbiamo farlo al meglio».

Questo tipo di partite nascondono anche un altro grande rischio: sottovalutare l’avversario. Eventualità che il tecnico del Carpi vuole decisamente evitare: «Non è una partita scontata, non a caso in settimana ho richiamato l’attenzione dei ragazzi su questo aspetto. Andiamo ad affrontare una squadra reduce da una brutta botta col Vicenza, la loro classifica è complicata e vorranno riscattarsi oltre che rilanciare la corsa salvezza. Una partita trabocchetto, non bisogna cascarci. Dunque massima concentrazione e soprattutto volontà di raccogliere tutte le forze e le energie».

La marcia di avvicinamento alla trasferta è stata positiva. Finalmente un po’ di tempo per allenarsi e poi il recupero di diversi calciatori: «E’ stata una settimana diversa rispetto alle altre, abbiamo anche lavorato un giorno in più. Fondamentale è stato integrare gli acciaccati. Il nostro schema organizzativo è stato un po’ modificato rispetto al solito, praticamente siamo riusciti a recuperare tutti i ragazzi. Qualche problemino resta, ma non ci lamentiamo più di tanto». Quindi si entra nel dettaglio. Primo nome quello di Saric: «Sta meglio, vedremo». Si continua con Vano: «Qualche problemino se lo sta portando dietro, stiamo valutando di inserirlo a partita in corso». Per chiudere Cianci che ha avuto un po’ di tempo per “studiare” i meccanismi biancorossi: «Lo abbiamo buttato nella mischia immediatamente - dice Riolfo - dopo tanto che non giocava. Si è allenato al meglio».

Novità anche dal mercato, l’ultima quella che riguarda l’esterno Magrini: «Lo abbiamo visionato e rientra nelle caratteristiche del giocatore che cercavamo. Sono soddisfatto della sessione di mercato, siamo riusciti a trovare ciò che ci serviva».

Il finale è dedicato alla classifica: «Avevamo iniziato il 2020 con l’intenzione di ricucire i quattro punti di svantaggio dal Vicenza. Ora siamo a -9, ma non dobbiamo scoraggiarci perché il campionato è ancora lunghissimo. Se analizzo le ultime partite dico che abbiamo affrontato avversari importanti, ci è mancato qualcosina ma siamo riusciti a superare quattro scogli complicati. C’è da essere ottimismi per aver chiuso un periodo che poteva, considerate diverse situazioni, farci male. Resta il rammarico perché i punti potevano essere di più e la classifica diversa». —