La serie C riparte: playoff in 20 giorni Il Carpi presente, i dubbi del Modena

Il 27 giugno finale Coppa Italia e andata playout. Dal 1° luglio spareggi promozione in gara secca da concludere il 22

MODENA Nessuna novità e un gran bel pasticcio: l’atteso Consiglio Federale che si è tenuto ieri ha confermato le tante sensazioni della vigilia piantando i paletti per la ripartenza della serie C emettendo anche i primi verdetti ufficiali: Monza, Vicenza e Reggina, le prime nei tre gironi al momento della sospensione provocata dalla pandemia, salgono in B e possono festeggiare una promozione regalata; retrocesse direttamente in D Gozzano, Rimini e Rieti che al momento dello stop imposto dal Coronavirus a undici turni dalla fine, si trovavano loro malgrado all’ultimo posto con tutta la possibilità di rimediare. La ripartenza avverrà con il format B previsto dal presidente della Figc, Gravina: regular season archiviata, si giocheranno solo i playoff e playout, i primi per decidere la quarta da promuovere in B, i secondi per definire le altre sei retrocessioni. Accedono ai playoff le squadre dal secondo al decimo posto di ogni girone in base alla posizione di classifica stabilita dall’algoritmo-Gravina: Carpi terzo (entra dagli ottavi) e Modena nono (subito in campo a Salò con la Feralpi). La griglia delle 28 squadre ai playoff sarà completata sulla base della vincente di Coppa Italia (finale Ternana-Juve U23).



Le date. La Figc indica 28 giugno per la finale di Coppa e il 5 luglio per l’inizio dei playoff, la Lega Pro in versione azzeccagarbugli riceve e partorisce il mostro: si ripartirà il 27 giugno con la finale in gara unica di Coppa Italia tra Ternana e Juve Under 23. Sempre il 27 giugno le gare di andata dei playout, mentre le partite di ritorno sono in programma il 30 giugno. Per quello che riguarda i playoff, invece, inizio il 1° luglio e chiusura il 22 luglio con la finale dopo un’abbuffata di sfide in gara secca che le squadre non avranno nemmeno il tempo di preparare. Playoff-lampo, quindi, con margine fino al 20 agosto nel caso di eventuali quarantene per possibili contagi Covid-19. Alle squadre che pur avendone diritto decideranno di non prendere parte ai playoff o ai playout dandone comunicazione nei termini previsti, verrà inflitta solo la sanzione della perdita della gara non disputata. Massima attenzione da parte della Figc sarà prestata all’applicazione del protocollo sanitario, la pietra d’inciampo di tante società di serie C sia per i costi (dai 100 ai 150 mila euro per la sua applicazione) che per le difficoltà legate all’impiantistica e alla sollevazione compatta dei medici sociali. La decisione del Consiglio Federale dei ripartire con i playoff trova pronto il Carpi che ha già richiamato i propri giocatori in città, effettuando tamponi e test sierologici su calciatori, tecnici e operatori riprendendo la preparazione con gli allenamenti individuali che diventeranno collettivi a metà settimana. Il club biancorosso, a cui la Figc ha tolto la promozione in B che gli aveva assegnato l’assemblea di Lega Pro, aggredirà gli spareggi per la promozione. Non è ancora ufficiale, invece, se vi prenderà parte il Modena. Il club gialloblù è rimasto alla finestra fino a ieri e solo adesso uscirà allo scoperto valutando l’opportunità di partecipare ai playoff. Decideranno oggi Sghedoni e il cda. —

P.V.