Carpi, la cessione è in dirittura d’arrivo Ad inizio settimana Cda e presentazione

La “cordata Morelli” invia gli ultimi documenti all’avvocato di Bonacini e deposita la fideiussione in Lega a Firenze

CARPI Si procede lentamente sulla strada che porta al definitivo passaggio di consegne tra la vecchia e la nuova proprietà di via Marx. Oggi dovrebbe essere davvero il giorno giusto, quando la cordata Morelli consegnerà gli ultimi documenti alla Lega e a Stefano Bonacini, ai quali sono già stati recapitati in formato elettronico. Tra questi anche la fideiussione che sostituirà quella versata nell’atto dell’iscrizione. Manca quindi solo l’ultimo passaggio formale prima che si apra una nuova era per la società di via Marx. Oggi atteso il comunicato ufficiale.

LA CORDATA MORELLI


Il primo passo pubblico della nuova società sarà una conferenza stampa prevista per mercoledì 26 agosto per dare il tempo ai soci di tenere un primo Cda già lunedì. In attesa di comunicazioni ufficiali, si sa che l’evento si terrà presso i locali dell’Ncs, azienda carpigiana che sembra essersi buttata a capofitto in questa nuova avventura nelle persone di Marcello Fantuzzi e Matteo Mantovani, rispettivamente presidente e Ceo dell’azienda che si occupa tra le varie attività di produzione di prototipi e studio dei materiali. Insieme a Morelli sono i rappresentanti di Carpi in una cordata che si completa con Vft, un’azienda di commercio all'ingrosso di frutta e verdura di Verona che fa capo a Federico Mercellusi, e una cooperativa di mobili di Cerea. Soggetti questi ultimi coinvolti da Luca Paolo Mastena, presidente di CereaBanca.

In tutta la giornata di ieri, negli ambienti sportivi si sono moltiplicate voci su altri elementi della cordata ma l’impressione è che la situazione sia piuttosto fluida e che la composizione definitiva si conoscerà solo nel momento del comunicato ufficiale. Anche cercare di prevedere la ripartizione delle quote appare piuttosto complicato. L’ipotesi più accreditata vedrebbe Ncs e Vft come soci maggioritari intorno al 30 %, con un 10% per Simone Morelli e per l’azienda di Cerea. Il restante 20 % ad un quinto socio, probabilmente una holding toscana.

CONFERME

Si parla di calcio e spesso si dimentica che un club è un’azienda come ogni altra, con lavoratori, dipendenti e collaboratori. Il passaggio di proprietà dovrebbe però essere indolore, perché l’ormai ex patron Bonacini avrebbe espressamente richiesto alla nuova proprietà, che avrebbe accettato, la conferma di tutte le figure societarie. Al loro posto, quindi, dovrebbero rimanere sia il Segretario Luigi Larizza che Giuseppe Valentino. Sconfinando nell’area sportiva, anche il preparatore dei portieri Paolo Foti è destinato alla conferma.—