Il Modena ha posato la prima... punta: il centravanti è Scappini. E torna Milesi

Trovato l’accordo con l’attaccante che arriva in prestito gratuito dalla Reggiana. Il difensore era a Piacenza con Matteassi

MODENA. Il primo rinforzo per l’attacco del Modena è Stefano Scappini. L’attaccante perugino 32enne, a lungo corteggiato dal club canarino nelle ultime settimane, ha trovato ieri l’accordo con il diesse Luca Matteassi e nelle prossime ore sarà ufficializzato come nuovo acquisto gialloblù. Non arriverà a titolo definitivo, ma in prestito gratuito dalla Reggiana, a cui la scorsa estate si era legato con un contratto triennale.

È questa la soluzione trovata tra le parti, con il club granata che non dovrà garantire al giocatore una buonuscita per la rescissione contrattuale e con il Modena che andrà quindi a prendersi in carico l’ingaggio per la prossima stagione. Scappini resterà così sulla via Emilia per vestire i colori gialloblù, proprio quelli che punì lo scorso anno segnando il gol vittoria della Reggiana nel derby giocato al Braglia il 27 ottobre. Nella passata stagione ha realizzato altri otto gol oltre a quello contro i canarini, dunque nove in totale in 18 apparizioni prima della sospensione della stagione regolare, con una media di uno ogni due gare: nella classifica dei cannonieri si è piazzato al sesto posto, ma per i minuti giocati il suo score sarebbe stato da podio. E qui si apre un altro capitolo dell’avventura recente di Scappini, relativo ad una fascite plantare che lo ha costretto a saltare 8 gare di campionato e anche a stringere i denti nel momento del bisogno.

La doppia panchina nella semifinale playoff con il Novara e nella finalissima con il Bari avevano lasciato pensare che il fastidio si fosse riacutizzato, alimentando per questo i dubbi sulle sue condizioni, ma in una recente intervista è stato Scappini stesso a chiarire che non ci fosse alcuna motivazione di carattere fisico alla base della sua assenza dal terreno di gioco, soltanto una scelta tecnica del mister granata Massimiliano Alvini. Mancato protagonista sul più bello, nel giorno della promozione della Reggiana in serie B, e poi emarginato sin dall’inizio della nuova stagione, non convocato per il ritiro di Carpineti e costretto ad allenarsi assieme ai giovani della Primavera, l’attaccante perugino si è guardato attorno e ha accettato con entusiasmo la nuova sfida in maglia gialloblù.

Per il Modena si tratta di un colpo pesante, la prima punta da gol che tanto sarebbe servita anche nella passata stagione. Il curriculum di Stefano Scappini, infatti, parla chiaro: due promozioni in B conquistate a Cremona e Reggio Emilia, un titolo di capocannoniere con il Pontedera nella stagione 2015/16 (24 gol in 38 partite), 94 reti in 288 gare di serie C ma anche 7 in 48 presenze in B con Cremonese e Cittadella nelle due stagioni che hanno preceduto il suo approdo alla Reggiana. Non solo, perché Scappini ha vinto anche lo scudetto Primavera 2007/08 con la Sampdoria, dopo essere stato capocannoniere del Torneo di Viareggio nella stessa stagione; in blucerchiato arrivò proprio in quella stagione dalla Ternana, società in cui aveva svolto tutta la trafila delle giovanili. Sistemata una casella, quella della prima punta da gol, Matteassi ha completato anche la difesa ingaggiando Luca Milesi, ex canarino che era con lui a Piacenza. È un centrale che può giocare anche a destra. Ora il ds si lancerà all’assalto degli altri due giocatori che dovranno completare il reparto offensivo: secondo l’identikit tracciato dal diesse gialloblù, si tratta di due seconde, di cui almeno una in grado di giocare all’occorrenza anche da prima punta. I nomi sul taccuino sono quelli di Nicola Citro (’89, Frosinone), Gaetano Monachello (’94, Atalanta, nell’ultima stagione in B con Pordenone e Venezia) e l’ex Davide Luppi (’90), che si sta allenando con il Legnago dell’ex capitano gialloblù Armando Perna e del tecnico fiumalbino Bagatti dopo essersi svincolato dal Cittadella. Ma il mercato offre tante soluzioni e non è da escludere che il Modena possa guardare anche altrove. —
<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVATA