Il Modena oggi nella tana del Matelica Mignani: «Gara da prendere con le molle»

I gialli attesi a Macerata dalla rivelazione marchigiana. Il tecnico canarino: «Corrono, sono organizzati e spensierati» 



MODENA Trasferta insidiosa per il Modena, che affronterà oggi pomeriggio (fischio d’inizio alle ore 15) in anticipo allo Stadio “Helvia Recina” di Macerata il neopromosso Matelica. La partita, valida per la quinta giornata del girone B di serie C, si disputerà a porte chiuse così come comunicato ieri sera dalla società marchigiana.

A differenza dell'Emilia Romagna e di altre regioni, dunque, non vi sarà nemmeno una parziale apertura degli spalti. Vietato abbassare la guardia per i gialloblù, reduci dal tris casalingo rifilato al Ravenna (terza vittoria in quattro partite disputate) e vogliosi di proseguire la striscia positiva e continuare ad occupare le zone altissime della classifica in attesa del big match del Braglia contro la Feralpisalò in programma mercoledì prossimo e della trasferta successiva sul campo dell’ambiziosa Sambenedettese.

Una settimana che si preannuncia importante e un trittico di sfide che potrebbero rinforzare ancora di più la consapevolezza nei propri mezzi, ma il pensiero dei canarini è rivolto solamente al match odierno contro il Matelica dell’ex attaccante Simone Rossetti.

Nonostante l’ultima sconfitta subita in rimonta contro la Vis Pesaro, i biancorossi hanno iniziato bene il proprio campionato, il primo tra i professionisti, conquistando sette punti nelle prime quattro giornate grazie ai risultati positivi guadagnati contro avversari del calibro di Triestina, Feralpisalò e Sudtirol. Il Modena ha però dimostrato di potersela giocare alla pari contro qualunque avversario, sfruttando la forza di un gruppo in cui tutti si sentono protagonisti e pronti per dare il proprio contributo. Mister Mignani, nella consueta conferenza stampa della vigilia, ha messo in guardia la squadra dai rischi e dalle insidie che si potrebbero trovare in quel di Macerata: “Ho visto diverse partite e il Matelica non è una sopresa perchè è una formazione organizzata con tanto entusiasmo e pochi pensieri. Hanno giocatori interessanti e talentuosi, tra cui Volpicelli che ha struttura fisica e conosce bene la categoria.

Si approcciano per la prima volta alla Lega Pro, stanno ottenendo buoni risultati con prestazioni di livello e quindi sarà una partita complicata. Un avversario da prendere con le molle, ma sono convinto che il fattore fondamentale sarà non sbagliare la mentalità”. Al di là dell’avversario, il tecnico genovese vuole vedere ulteriori passi in avanti: “Credo che la squadra abbia ancora margini di miglioramento sotto tutti i punti di vista.

Domenica scorsa contro il Ravenna i ragazzi hanno corso nella maniera giusta e ho visto una crescita della condizione fisica. Dobbiamo cercare di eliminare quei piccoli errori che potrebbero compromettere la prestazione, mi aspetto quindi una grande partita sotto l’aspetto dell’atteggiamento, della voglia e della fame. Vogliamo fare bene e ottenere un buon risultato”.

La rosa è ampia, in porta tornerà Riccardo Gagno e Mignani, eccetto gli indisponibili Mattioli e Rabiu, avrà l’imbarazzo della scelta: “Comincio ad avere parecchi dubbi, stanno crescendo gli ultimi arrivati e anche coloro che hanno avuto problemi fisici. Ho a disposizione un gruppo omogeneo in cui c’è bisogno di tutti e come sempre valuteremo prima della partita l’undici migliore e più adatto per sfidare il Matelica”. La testa del Modena è rivolta solamente alla formazione marchigiana: “Il nostro percorso passa da qua e poi penseremo agli impegni successivi. Chi vuole arrivare in alto deve cercare prima di tutto di dare continuità di prestazioni e risultati, guardando partita dopo partita. Dovremo mantenere alta l’attenzione, oltre alla giusta intensità agonistica e mentale”. —